Home > Riviste > Minerva Pneumologica > Fascicoli precedenti > Minerva Pneumologica 2010 September;49(3) > Minerva Pneumologica 2010 September;49(3):205-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PNEUMOLOGICA

Rivista sulle Malattie dell’Apparato Respiratorio


Official Journal of the Italian Society of Thoracic Endoscopy
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Pneumologica 2010 September;49(3):205-9

lingua: Italiano

Infezione polmonare da Chlamydophilia Pneumoniae in paziente con displasia tiroidea: considerazioni sull’ utilizzo della PET-CT

Pontillo A., Del Giudice G., Pedicelli I., La Cerra G., D’ Antò R., Luciani E., Corcione N., Turino C., Iadevaia C., Bianco A., Marzo C.

1 Dipartimento di Scienze Cardio-Toraciche e Respiratorie, Seconda Università di Napoli, Napoli, Italia
2 Dipartimento di Scienze per la Salute,, Facoltà di Medicina e Chirurgia Campobasso , Università degli Studi del Molise
Campobasso, Italia
3 Seconda Università di Napoli, Medicina e Chirurgia, Napoli, Italia


PDF  


Gli autori riportano una presentazione insolita di infezione respiratoria da Chlamydophilia Pneumoniae che mima una neoplasia polmonare. Tre aree di consolidamento polmonare sono state identificati mediante PET/CT, nel corso di screening per un sospetto cancro alla tiroide. La diagnosi di infezione è stata effettuata attraverso l’individuazione di anticorpi sierici per C. Pneumoniae e la completa risoluzione delle aree di consolidamento polmonare è stata ottenuta dopo una terapia antibiotica specifica. Questo caso suggerisce che una PET positiva non è un indicatore assoluto per neoplasie e le infezioni da C. Pneumoniae respiratorie possono potenzialmente esporre ad ipercaptazione del tracciante in corso di esame PET.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail