Home > Riviste > Minerva Pneumologica > Fascicoli precedenti > Minerva Pneumologica 2010 March;49(1) > Minerva Pneumologica 2010 March;49(1):45-63

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PNEUMOLOGICA

Rivista sulle Malattie dell’Apparato Respiratorio


Official Journal of the Italian Society of Thoracic Endoscopy
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Pneumologica 2010 March;49(1):45-63

lingua: Inglese

Un aggiornamento sul trapianto di polmone

Moneghetti K. J., Westall G. P., Snell G. I.

Department of Allergy, Immunology, and Respiratory Medicine, Lung Transplant Service, Alfred Hospital and Monash University, Melbourne, Australia


PDF  


La presente review ha lo scopo di sottolineare le recenti novità nella letteratura che si occupa della cura dei pazienti che aspettano o vanno incontro a un trapianto di polmone. Il trapianto del polmone rappresenta un trattamento affidabile per la gestione delle patologie vascolari polmonari terminali. Il precedente tasso di sopravvivenza di 5 anni nel 50% dei pazienti continua oggi a migliorare nella maggior parte dei centri specializzati in tutto il mondo. I criteri di selezione dei pazienti riceventi e dei donatori continuano a evolvere, come è evidenziato dai dati raccolti nel mondo. Questo ha portato a una maggior disponibilità di organi e di conseguenza di trapianti portati a compimento. La sopravvivenza di specifici sottogruppi di pazienti riceventi evidenzia il modo in cui i clinici utilizzano le procedure per il trapianto del polmone. Nuovi farmaci immunosoppressori riducono la percentuale di rigetto, anche se non è stato ancora del tutto chiarito se questo si traduce in un miglioramento della sopravvivenza a lungo termine. Il recente completamento di un certo numero di trial clinici caso-controllo randomizzati potrà influenzare i futuri schemi di prescrizione degli agenti immunosoppressori. Con il miglioramento della sopravvivenza, dovranno essere affrontati nuovi problemi medici, compreso il trattamento delle co-morbidità e la modificazione dei meccanismi della disfunzione cronica dell’attecchimento dell’allotrapianto.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail