Home > Riviste > Minerva Pneumologica > Fascicoli precedenti > Minerva Pneumologica 2010 Marzo;49(1) > Minerva Pneumologica 2010 Marzo;49(1):1-16

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PNEUMOLOGICA

Rivista sulle Malattie dell’Apparato Respiratorio


Official Journal of the Italian Society of Thoracic Endoscopy
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Pneumologica 2010 Marzo;49(1):1-16

lingua: Inglese

Attuale trattamento della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO)

Ora J., O’donnell D. E.

Division of Respiratory and Critical Care Medicine, Department of Medicine, Queen’s University and Kingston General Hospital
Kingston, Ontario, Canada


PDF  


La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) rappresenta una condizione infiammatoria delle vie aeree frequente e spesso disabilitante, che in molti casi determina una mortalità precoce. Le principali caratteristiche fisiopatologiche della BPCO consistono in una limitazione del flusso espiratorio ed un’hyperinflation polmonare. Le principali conseguenze cliniche di queste alterazioni sono dispnea soggettiva, limitazione dell’attività e un’aumentata propensione verso esacerbazioni ricorrenti. Complessiva-mente, queste contribuiscono ad un peggioramento della qualità della vita. Nelle BPCO lievi, le misurazioni relativamente conservate dei rapporti di flusso espiratorio forzato (misurati con una semplice spirometria) possono nascondere un esteso danno infiammatorio delle piccole vie aeree, del parenchima e della vascolatura polmonare. Aumentano le evidenze che queste alterazioni fisiologiche possano avere importanti conseguenze cliniche che, fino ad oggi, sono state sottostimate. Pertanto, oltre l’obbligo categorico di cessazione del fumo di sigaretta, il trattamento attivo può essere giustificato in pazienti selezionati con BPCO lievi e dispnea persistente correlata all’attività. Attualmente si comprende meglio come, con l’avanzamento della BPCO, la progressiva compromissione dei meccanismi respiratori e dello scambio gassoso a livello polmonare risultano in un critico aumento della morbidità e della mortalità. In particolare, viene compreso il ruolo cruciale dell’iperinsufflazione polmonare dinamica come causa di dispnea e di intolleranza all’asercizio. Nella presente revisione verrà preso in considerazione come si possa agire al meglio sulle alterazioni fisiologiche della BPCO, al fine di migliorarne l’esito clinico. Verrà inoltre dimostrato come le moderne combinazioni farmacologiche possano alleviare efficacemente i sintomi, migliorare la capacità di esercizio e ridurre la frequenza e la gravità delle esacerbazioni in una maniera del tutto innovativa. Infine, verrà preso in considerazione come le nuove evidenze scientifiche derivanti dai trial clinici possano presumibilmente influenzare l’attuale approccio per fornire il trattamento medico ottimale ai pazienti con BPCO più moderata.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail