Home > Riviste > Minerva Pneumologica > Fascicoli precedenti > Minerva Pneumologica 2009 June;48(2) > Minerva Pneumologica 2009 June;48(2):99-110

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PNEUMOLOGICA

Rivista sulle Malattie dell’Apparato Respiratorio


Official Journal of the Italian Society of Thoracic Endoscopy
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pneumologica 2009 June;48(2):99-110

lingua: Italiano

Indicatori funzionali di danno delle piccole vie aeree nella broncopneumopatia cronica ostruttiva

Catapano G., Mannucci F., Mirarchi G., Prediletto R.

Istituto di Fisiologia Clinica e Fondazione “Gabriele Monasterio” Consiglio Nazionale delle Ricerche, Pisa, Italia


PDF  


Obiettivo. Obiettivo di questo studio era indagare il ruolo delle piccole vie aeree nella patogenesi della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), valutando quelle tecniche di misura in grado di caratterizzarne il precoce impegno ed il loro possibile impiego nella gestione clinica della malattia.
Metodi. Quarantacinque pazienti con BPCO di differente gravità (stadi GOLD) sono stati valutati per criteri clinici (dispnea secondo MRC), funzionali a riposo (pletismografici, emogasanalitici e di diffusione polmonare) e da sforzo (ergospirometrici). Inoltre, sono stati ulteriormente caratterizzati per studio delle differenze alveolo-arteriose dei gas respiratori (A-aDO2 e a-ADCO2), spazio morto fisiologico (VD/VT) e pendenza della III fase alveolare dell`azoto espirato dopo un singolo respiro in O2 al 100% (N2 slope) come potenziali indicatori di danno delle piccole vie aeree.
Risultati. Contrariamente agli indici di insufflazione, diffusione polmonare ed emogasanalitici, i parametri relativi a N2 slope, A-aDO2, a-ADCO2 e VD/VT sono risultati significativamente alterati sin dallo stadio I della malattia. È stata osservata, inoltre, una correlazione significativa tra gli stessi parametri e il grado di dispnea, inefficienza ventilatoria e cardiocircolatoria misurati al picco dell’esercizio, in particolar modo per N2 slope. A loro volta, la risposta ventilatoria e cardiocircolatoria è risultata correlare significativamente con il grado di tolleranza all`esercizio fisico.
Conclusioni. Dai dati di questo studio emerge il possibile ruolo degli indici funzionali di danno delle piccole vie aeree nello svelare precocemente le alterazioni iniziali della BPCO, ancor prima dei comuni parametri di volumetria polmonare e di scambio gassoso, dimostrandosi importanti predittori di qualità della vita nonchè dei possibili target di risposta terapeutica in questa categoria di pazienti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail