Home > Riviste > Minerva Pneumologica > Fascicoli precedenti > Minerva Pneumologica 2008 December;47(4) > Minerva Pneumologica 2008 December;47(4):203-12

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PNEUMOLOGICA

Rivista sulle Malattie dell’Apparato Respiratorio


Official Journal of the Italian Society of Thoracic Endoscopy
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Pneumologica 2008 December;47(4):203-12

lingua: Inglese

Chirurgia di avanzamento maxillo-mandibolare per il trattamento dell’apnea ostruttiva del sonno

Cao M., Li K. K., Guilleminault C.

Stanford Sleep Disorders Center Stanford University, Stanford, CA, USA


PDF  


Sebbene la ventilazione non invasiva nasale a pressione continua positiva sia considerata il trattamento di prima linea per l’apnea ostruttiva del sonno (OSA), la chirurgia si è dimostrata essere una valida opzione nei pazienti intolleranti a questo trattamento. Negli ultimi 20 anni la chirurgia di avanzamento maxillo-mandibolare è stata ampiamente accettata come la più efficace terapia chirurgica per il trattamento dell’OSA. L’avanzamento maxillo-mandibolare si è dimostrato in grado di ampliare lo spazio aereo faringeo ed ipofaringeo mediante l’espansione fisica della struttura scheletrica faciale. Inoltre, lo spostamento anteriore del complesso maxillo-mandibolare incrementa la tensione tissutale, riducendo così la collassabilità della muscolatura velofaringea e sopraioidea e migliorando il collasso della parete laterale della faringe, tutti componenti significativi nell’ostruzione delle alte vie respiratorie nell’OSA. Poiché i deficit maxillo-mandibolari basati sulle misure cefalometriche si sono rivelati come un reperto significativo nei pazienti con OSA, la chirurgia di avanzamento maxillo-mandibolare è stata primariamente descritta ed invocata nei pazienti con significativi deficit mandibolari. Tuttavia, alcuni gruppi hanno proposto quest’approccio chirurgico anche per il trattamento dell’OSA nei pazienti con deficit maxillo-mandibolari relativamente piccoli. Gli outcome della chirurgia di avanzamento maxillo-mandibolare sono stati estesamente riportati, con tassi di successo compresi fra il 57% e il 100%. A più lungo termine il tasso di successo raggiunge il 90%. Sono stati inoltre pubblicati dati indicanti un miglioramento della qualità di vita dopo questo trattamento.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail