Home > Riviste > Minerva Pneumologica > Fascicoli precedenti > Minerva Pneumologica 2007 June;46(2) > Minerva Pneumologica 2007 June;46(2):71-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PNEUMOLOGICA

Rivista sulle Malattie dell’Apparato Respiratorio


Official Journal of the Italian Society of Thoracic Endoscopy
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  INTERVENTIONAL PULMONOLOGY


Minerva Pneumologica 2007 June;46(2):71-9

lingua: Inglese

Stent bronchiali di silicone e metallici

D’Ippolito R., Olivieri D., Chetta A.

Cardiopulmonary Department University Hospital of Parma, Parma, Italy


PDF  


Le protesi tracheo-bronchiali, note come stent bronchiali, sono dei dispositivi usati per garantire la pervietà delle vie aeree, laddove questa non è altrimenti ottenibile. Questi dispositivi sono in grado di risolvere con successo la dispnea indotta dall’ostruzione, sia pure talora in modo palliativo, ma richiedono grande esperienza nell’essere posizionati. Attualmente i principali tipi di stent consistono in strutture tubulari, fatte di silicone o di materiale metallico espandibile. Gli stent di silicone sono utilizzati per il trattamento di stenosi conseguenti alla vegetazione intraluminale di neoplasie o di tessuto di granulazione, mentre quelli di metallo espandibile sono soprattutto utilizzati nei pazienti che presentano stenosi bronchiali da compressione ab estrinseco. Sia gli stent di silicone che quelli di materiale metallico espandibile presentano vantaggi e svantaggi, che devono essere attentamente valutati nella scelta della protesi endobronchiale ottimale. Questa rassegna tratta le caratteristiche dei diversi tipi di stent, le loro indicazioni cliniche e le possibili complicazioni legate al loro uso.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail