Home > Riviste > Minerva Pneumologica > Fascicoli precedenti > Minerva Pneumologica 2007 March;46(1) > Minerva Pneumologica 2007 March;46(1):5-17

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PNEUMOLOGICA

Rivista sulle Malattie dell’Apparato Respiratorio


Official Journal of the Italian Society of Thoracic Endoscopy
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  CLINICAL ADVANCES IN COPD


Minerva Pneumologica 2007 March;46(1):5-17

lingua: Inglese

Terapia della broncopneumopatia cronica ostruttiva riacutizzata

Halpin D. M. G.

Royal Devon and Exeter Hospital Exeter, UK


PDF  


Le riacutizzazioni sono eventi chiave della storia naturale della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). Esse sono comuni e aumentano di frequenza con il progredire della gravità della malattia. Le riacutizzazioni determinano sintomi disabilitanti e sono spesso eventi traumatici per i pazienti. Inoltre, esse colpiscono la qualità di vita salute-relata e il benessere dei pazienti, conducono a un significativo aumento del rischio di morte e di ospedalizzazione e sono responsabili di una vasta proporzione dei costi correlati alla BPCO. Questo articolo discute le evidenze relative alla prevenzione e al trattamento delle riacutizzazioni. La prevenzione delle riacutizzazioni è una parte fondamentale dell’approccio alla BPCO. I corticosteroidi per via inalatoria, i beta-agonisti e gli anticolinergici a lunga durata d’azione riducono tassi di riacutizzazione, così come la cessazione del fumo, la riabilitazione polmonare e la vaccinazione anti-influenzale. Le riacutizzazioni dovrebbero essere trattate con un aumento delle dosi o della frequenza dei broncodilatatori, con corticosteroidi per via orale e con antibiotici se vi è evidenza di infezione. La maggioranza delle riacutizzazioni può essere trattata a domicilio, ma alcuni casi richiedono l’ospedalizzazione. Non sono necessari particolari accertamenti per le riacutizzazioni trattate al domicilio, mentre nei casi più severi che necessitano di ricovero dovrebbero essere eseguite una radiografia del torace e un’emogasanalisi. L’ossigeno-terapia è importante per il trattamento degli episodi di insufficienza respiratoria, ma i pazienti che sviluppano acidosi possono necessitare della ventilazione non invasiva. L’ospedalizzazione domiciliare e schemi di dimissione assistita sono efficaci e possono essere usati per facilitare l’assistenza domiciliare. L’attivazione di un programma riabilitativo polmonare subito dopo un ricovero per un episodio di BPCO riacutizzata accelera il recupero funzionale e può ridurre i tassi di reospedalizzazione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail