Home > Riviste > Minerva Pneumologica > Fascicoli precedenti > Minerva Pneumologica 2006 June;45(2) > Minerva Pneumologica 2006 June;45(2):121-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PNEUMOLOGICA

Rivista sulle Malattie dell’Apparato Respiratorio


Official Journal of the Italian Society of Thoracic Endoscopy
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pneumologica 2006 June;45(2):121-8

lingua: Inglese

Effects of detraining on pulmonary function and performance in young male swimmers

Sambanis M.

Department of Physical Education and Sport Science at Serres Aristotle University of Thessaloniki, Greece


PDF  


Obiettivo. L’obiettivo di questo studio è stato di esaminare se la sospensione dell’ allenamento per 50 giorni abbia effetti sulla funzionalità polmonare e la performance nei giovani nuotatori di sesso maschile.
Metodi. A questo studio hanno preso parte 48 nuotatori di sesso maschile (età compresa tra 12 e 14 anni) che sono stati divisi in due gruppi (A e B) sulla base di un questionario specifico. I nuotatori del gruppo A (n = 27) hanno svolto durante il periodo di sospensione dell’allenamento a varie attività atletiche di moderata intensità 3-4 volte alla settimana. I nuotatori del gruppo B (n = 21) si sono astenuti da tali attività. Tutti i nuotatori sono stati sottoposti a controllo spirometrico utilizzando il Pony Graphic Spirometer all’inizio e alla fine del periodo di sospensione dell’allenamento. Essi sono stati testati per la capacità vitale (VC), per la capacità vitale forzata (FVC) e per il volume espiratorio forzato in 1 secondo (FEV1). Essi hanno anche partecipato ad un test di nuoto percorrendo 100 metri a stile libero all’inizio e alla fine del periodo di sospensione dell’allenamento.
Risultati. I risultati hanno evidenziato che nel gruppo B i tassi dei parametri respiratori erano molto diminuiti per la VC 86,74%), la FVC (4,86%) e la FEV1 (3,64%). Al contrario, i nuotatori del gruppo A, che avevano partecipato ad attività di media intensità 3-4 volte alla settimana, hanno evidenziato una minore diminuzione sia per quanto riguarda la VC (2,13%), la FVC (1,93%) e la FEV1 (2,31%). Circa il test di nuoto sulla distanza di 100 metri a stile libero è stata osservata una diminuzione pari al 1,59% e al 1,86% all’inizio e alla fine del periodo di sospensione dell’allenamento nel gruppo A e B, rispettivamente.
Conclusioni. In conclusione, la diminuzione osservata nei parametri respiratori (VC e FVC), specialmente per il gruppo B, ha portato a una leggera diminuzione della performance nel nuoto.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail