Home > Riviste > Minerva Pneumologica > Fascicoli precedenti > Minerva Pneumologica 2004 December;43(4) > Minerva Pneumologica 2004 December;43(4):203-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PNEUMOLOGICA

Rivista sulle Malattie dell’Apparato Respiratorio


Official Journal of the Italian Society of Thoracic Endoscopy
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Pneumologica 2004 December;43(4):203-6

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Endoscopic lung volume reduction. It is easy, safe and can work, but we don't know how to use it

Toma P. T.


PDF  


La riduzione endoscopica del volume polmonare si è sviluppata rapidamente solo negli ultimi 4 anni, sebbene vi siano state segnalazioni precedenti a partire dal 1966. Sono state proposte diverse tecniche e diversi principi sono in fase di valutazione. Essi comprendono l'uso di una valvola bronchiale ad una via inserita utilizzando un broncoscopio a fibre ottiche per provocare l'atelettasia, la provocazione di atelettasia e fibrosi locale tramite iniezione di polimeri per via broncoscopica, le fenestrazioni broncopolmonari per aumentare il flusso espiratorio e la plicatura o la compressione del polmone enfisematoso per via toracoscopica. Il lavoro fatto sinora se non altro ha dimostrato che i principi sono validi e che il posizionamento di impianti polmonari in pazienti con enfisema è una manovra facile da eseguire e sicura. Tuttavia, l'efficacia e i criteri migliori per decidere quale area del polmone trattare e come selezionare i pazienti per il trattamento non sono chiari. È probabilmente troppo presto per trarre qualsiasi conclusione sull'applicabilità clinica di qualsiasi di questi metodi. Attualmente sono in corso studi clinici randomizzati e sono necessarie ulteriori ricerche.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail