Home > Riviste > Minerva Pneumologica > Fascicoli precedenti > Minerva Pneumologica 2004 September;43(3) > Minerva Pneumologica 2004 September;43(3):107-12

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PNEUMOLOGICA

Rivista sulle Malattie dell’Apparato Respiratorio


Official Journal of the Italian Society of Thoracic Endoscopy
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pneumologica 2004 September;43(3):107-12

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Diagnosi e trattamento del pneumotorace secondario

Mondello B., Barresi P., Barone M., Pavia R., Monaco F., Micali V., Surleti S., Pavone A., Monaco M.


PDF  


Obiettivo. Nel presente lavoro gli Autori riportano la casistica relativa agli ultimi 5 anni in tema di trattamento del pneumotorace secondario, sottolineando le metodiche che, alla luce delle più moderne tecnologie, hanno adottato.
Metodi. Sono stati trattati 29 pazienti, 21 di sesso maschile e 8 di sesso femminile, di età compresa tra i 18 e i 77 anni (età media 56). La localizzazione era sinistra in 18 casi (62%) e destra nei restanti 11 (38%). In tutti i pazienti la procedura d'urgenza è stata il posizionamento di un drenaggio endopleurico collegato ad un sistema a valvola d'acqua.
Risultati. Il posizionamento di un tubo di drenaggio endotoracico è risultato il trattamento definitivo in 7 pazienti (25%). Non si sono lamentate complicanze né mortalità operatoria e i drenaggi sono stati rimossi in un periodo variabile da 4 a 9 giorni. La pleurodesi chimica o con talco, quando l'aspirazione endopleurica non è stata sufficiente da sola a controllare la perdita aerea, si è dimostrata risolutiva rispettivamente nel 27% e nel 7% dei casi. Anche nei pazienti sottoposti a chirurgia toracica videoassistita o toracotomia non si sono lamentate complicanze né mortalità operatoria e i drenaggi sono stati rimossi entro la 10° giornata dall'intervento. I risultati che emergono dalla revisione della casistica sono l'ottima percentuale di successi ottenuti e il mancato riscontro di recidive.
Conclusioni. Il posizionamento di un tubo di drenaggio endotoracico rappresenta il trattamento in emergenza e la terapia conservativa deve essere riservata soltanto a pneumotoraci estremamente marginali o a pazienti talmente gravi che anche la minima manovra chirurgica è controindicata.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail