Home > Riviste > Minerva Pneumologica > Fascicoli precedenti > Minerva Pneumologica 2004 September;43(3) > Minerva Pneumologica 2004 September;43(3):99-106

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PNEUMOLOGICA

Rivista sulle Malattie dell’Apparato Respiratorio


Official Journal of the Italian Society of Thoracic Endoscopy
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pneumologica 2004 September;43(3):99-106

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La polmonite acquisita in comunità nell’anziano. Eziologia, aspetti clinici e fattori prognostici

Putinati S., Ballerin L., Piattella M., Ritrovato L., Zabini F., Potena A.


PDF  


Obiettivo. Le polmoniti acquisite in comunità (community-acquired pneumonia, CAP) sono aumentate come conseguenza di un complessivo incremento della popolazione anziana. Esistono tuttora controversie che riguardano l'eziologia e la prognosi delle CAP in questa popolazione e sono necessari ulteriori studi epidemiologici. È stato intrapreso uno studio prospettico, durato 3 anni, al fine di valutare il quadro clinico, l'eziologia, l'evoluzione e i fattori prognostici in pazienti anziani („65 anni) ricoverati in ospedale per CAP.
Metodi. Lo studio ha interessato 311 pazienti (176 di sesso maschile, 135 di sesso femminile, età 79±7,9) che sono stati suddivisi in classi di rischio in accordo con Fine et al. Un quadro clinico tipico (febbre, tosse, espettorazione purulenta, dolore pleurico) era presente in 214 casi (68,8%).
Risultati. È stato possibile ottenere una diagnosi eziologica in 65 pazienti (20,9%) e fra gli 89 microorganismi isolati vi è stata una prevalenza di Pseudomonas aeruginosa (26,1%) e Streptococcus pneumoniae (21,5%). I decessi sono stati 42 (13,5%) e all'analisi multivariata un valore di creatinina „1,4 mg/dl e l'utilizzo della ventilazione meccanica erano i fattori prognostici significativamente associati alla mortalità.
Conclusioni. La regola predittiva di Fine et al. è stata in grado di fornire una corretta valutazione prognostica anche in una popolazione di pazienti anziani con CAP.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail