Home > Riviste > Minerva Pneumologica > Fascicoli precedenti > Minerva Pneumologica 2003 Dicembre;42(4) > Minerva Pneumologica 2003 Dicembre;42(4):233-44

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PNEUMOLOGICA

Rivista sulle Malattie dell’Apparato Respiratorio


Official Journal of the Italian Society of Thoracic Endoscopy
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Pneumologica 2003 Dicembre;42(4):233-44

lingua: Inglese

Orally exhaled nitric oxide as a marker of in-flammation in childhood asthma

Silvestri M., Sabatini F., Serpero L., Petecchia L., Rossi G. A.


PDF  


L'infiammazione delle vie aeree è un processo chiave dell'asma bronchiale, dal momento che i mediatori rilasciati dalle cellule infiammatorie possono indurre non solo un danno acuto, ma anche cambiamenti strutturali alle vie aeree. L'infiammazione delle vie aeree è, pertanto, un obiettivo terapeutico di primaria importanza e, in questo contesto, il trattamento con farmaci anti-infiammatori dovrebbe essere iniziato il più precocemente possibile, al fine di evitare il «remodelling» irreversibile delle vie aeree, tipico dell'infiammazione cronica anche nei bambini piccoli.
A tal fine si è reso necessario mettere a punto sistemi in grado di monitorare l'infiammazione, ad esempio attraverso la valutazione di composti volatili presenti nell'aria espirata. In questo contesto, la misurazione dei livelli di ossido nitrico (NO) sembra essere la tecnica migliore per monitorare lo stato infiammatorio delle vie aeree dei bambini asmatici, caratterizzati da livelli di NO superiori rispetto ai soggetti sani.
Pertanto, la misurazione della frazione esalata di NO (FENO) potrebbe rappresentare un test non invasivo, di semplice esecuzione e ben tollerato in grado di riflettere gli eventi infiammatori delle vie aeree nei bambini asmatici.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail