Home > Riviste > Minerva Pneumologica > Fascicoli precedenti > Minerva Pneumologica 2003 Marzo;42(1) > Minerva Pneumologica 2003 Marzo;42(1):25-30

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PNEUMOLOGICA

Rivista sulle Malattie dell’Apparato Respiratorio


Official Journal of the Italian Society of Thoracic Endoscopy
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pneumologica 2003 Marzo;42(1):25-30

lingua: Italiano

Il ruolo della broncoscopia nella diagnosi e trattamento dell'emottisi

Mondello B., Monaco M., Calabrò B., Barone M., Barresi P., Familiari D., Monaco F., De Leo G., Pavia R.


PDF  


Obiettivo. La broncoscopia assume un'importanza insostituibile nella diagnosi e nel trattamento delle emottisi, fornendo informazioni sulla causa e sulla sede del sanguinamento e indicazioni sulla procedura terapeutica ottimale.
Gli Autori, rivedendo la propria casistica, analizzano le cause di emottisi e il protocollo diagnostico seguito.
Metodi. Dal luglio 1997 a dicembre 2002 sono giunti alla nostra osservazione, per emottisi acuta, 122 pazienti, 97 uomini (79%) e 25 donne (21%). Dal punto di vista etiologico, le principali cause identificate sono state 1 neoplasia in 59 casi (48,3°%), 55 tumori maligni del polmone (52 primitivi e 3 secondari), una neoformazione tracheale ripetitiva in 2 casi, un adenoma bronchiale ed un angioma bronchiale. Altre cause hanno incluso bronchiti e/o polmoniti acute, bronchiectasie, coagulopatie, traumi del torace, lacerazione tracheale iatrogena (post-intubazione) ed in 13 casi un'emottisi ''criptogenica'' (10,6%). I casi di emottisi massiva sono stati 8 (7%).
Risultati. La broncoscopia è stata definitivamente risolutiva in 56 casi (45,9%), mediante broncoinstillazione locale di soluzione di epinefrina (1:20 000) e/o acido tranexamico in 50 casi, mediante fotocoagulazione laser in 6. È stata diagnostica e propedeutica a differenti soluzioni (intervento chirurgico, chemioterapia, terapia radiante) in 63 casi (51,6%). Non si è osservata alcuna complicanza e la procedura si è dimostrata risolutiva nel controllo immediato dell'emottisi massiva; non si sono verificate recidive.
Conclusioni. La broncoscopia si deve sempre effettuare in caso di emottisi, sia per determinarne la causa, sia per consentirne il controllo, sia, infine, per le preziose informazioni che fornisce sul tipo di metodica terapeutica da attuare eventualmente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail