Home > Riviste > Minerva Pneumologica > Fascicoli precedenti > Minerva Pneumologica 2002 December;41(4) > Minerva Pneumologica 2002 December;41(4):155-68

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PNEUMOLOGICA

Rivista sulle Malattie dell’Apparato Respiratorio


Official Journal of the Italian Society of Thoracic Endoscopy
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Pneumologica 2002 December;41(4):155-68

lingua: Inglese

Lung volume reduction surgery

Brown C. D., Fessler H. E.


PDF  


La pneumoplastica riduttiva (LVRS) è stata ampiamente utilizzata nel corso degli ultimi 7 anni per alleviare i sintomi e migliorare la funzionalità polmonare nell'enfisema in stadio avanzato. La LVRS rappresenta il più recente e il più efficace in una lunga serie di approcci chirurgici all'enfisema. Sebbene molti pazienti ne traggano benefici, la pneumoplastica riduttiva comporta un inevitabile rischio di mortalità intraoperatoria, i singoli benefici variano notevolmente tra i sopravvissuti e i miglioramenti sono solo temporanei. Il costo in termini monetari e di sacrifici umani di questa procedura, così come la frustrante impossibilità di predirne l'esito con un buon margine di sicurezza, hanno alimentato una controversia sull'appropriatezza del suo impiego nel trattamento dell'enfisema. Questo lavoro passerà rapidamente in rassegna alcuni aspetti del background storico che ha condotto al moderno LVRS, la fisiologia dell'enfisema e i meccanismi attraverso cui la rimozione del tessuto polmonare può migliorare la funzionalità polmonare, i metodi utilizzati per selezionare i pazienti e per eseguire l'intervento, i risultati che è lecito attendersi e le molte domande che restano aperte. I risultati ottenuti dal National Emphysema Treatment Trial, il più grande studio clinico randomizzato sulla riduzione chirurgica di volume polmonare fino ad ora condotto, saranno pubblicati presto. Questa rassegna e quei risultati forniranno ai medici una solida base per le indicazioni da dare ai loro pazienti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail