Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Pneumologica > Fascicoli precedenti > Minerva Pneumologica 2002 Giugno;41(2) > Minerva Pneumologica 2002 Giugno;41(2):57-62

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA PNEUMOLOGICA

Rivista sulle Malattie dell’Apparato Respiratorio


Official Journal of the Italian Society of Thoracic Endoscopy
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

Minerva Pneumologica 2002 Giugno;41(2):57-62

 ARTICOLI ORIGINALI

Tosse persistente e reflusso gastroesofageo asintomatico

Colangeli A., Farina E., Battista B., Saltarelli P.

Obiettivo. La tosse persistente è un importante dilemma nella pratica clinica quotidiana. Poiché numerose osservazioni la trovano connessa con il reflusso gastroesofageo (GER) asintomatico, abbiamo inteso verificare questo assunto.
Metodi. Abbiamo identificato un gruppo di 26 soggetti con questa sintomatologia. L'età media era di 32 anni, ambo sessi, la maggior parte sportivi amatoriali non fumatori. L'esame clinico e radiologico del torace, la spirometria, la reattività bronchiale alla metacolina, i prick tests respiratori e gli esami emato-chimici consentivano di individuare, ed escludere dal presente studio, i soggetti con patologia respiratoria. Il pH gastro-esofageo veniva misurato posizionando per via transnasale un sondino nasogastrico dotato di due rilevatori di pH (gastrico ed esofageo) e registrando continuativamente il pH durante le 24 ore successive. Gli episodi di reflusso venivano considerati patologici se si osservava una riduzione del pH esofageo inferiore a 4,0 per una durata superiore a 5 minuti. Gli episodi così evidenziati venivano relazionati alla sintomatologia ed alla postura. Il protocollo di studio prevedeva la somministrazione di farmaci inibitori della pompa protonica e procinetici, la ripetizione della pHmetria dopo 1-2 mesi di terapia e l'esecuzione di una gastroscopia nei casi dubbi.
Risultati. Questo protocollo è stato modificato dopo l'inclusione dei primi 6 casi, in quanto abbiamo osservato, sin dai momenti iniziali, un rapido miglioramento della sintomatologia, tale da rendere superflua ogni altra valutazione. Ventitré soggetti su 26 sono risultati positivi con entità variabile degli episodi di rigurgito. La gastroscopia, praticata in 6 soggetti, solo in un caso ha mostrato una ernia jatale peraltro nota, mentre non ha mostrato segni rilevanti negli altri casi.
Conclusioni. I dati riportati indicano che il GER è una causa misconosciuta da ricercare attivamente in caso di tosse persistente, che la pHmetria risulta essere il ''gold standard'', mentre la gastroscopia appare di minore importanza. Il meccanismo con il quale il GER possa causare tosse non è conosciuto, ma sembra che debba essere ricercato in un riflesso nervoso esofageo-tracheobronchiale stimolato dall'ambiente gastrico e mediato dal nervo vago. Non sembrerebbero importanti microinalazioni di contenuto gastrico, vista la normalità dei rilievi radiografici.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina