Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2014 August;66(4) > Minerva Pediatrica 2014 August;66(4):293-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2014 August;66(4):293-6

Copyright © 2014 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Riduzione del numero di ragazzi sovrappeso: studio a distanza di due anni in una stessa scuola

Menghetti E. 1, Musacchio P. 2, Tawill L. 3, Vicini S. 2, Pascale M. 2, Spagnolo A. 4

1 Direzione Gruppo Studio Ipertensione, Università “La Sapienza”, Roma, Italia;
2 ASL RMD, Roma, Italia;
3 Reparto Pediatria, IDI, Roma, Italia;
4 ISFOL, Istituto Sviluppo Formazione Lavoratori Roma, Italia


PDF  


OBIETTIVO: Sono stati arruolati studenti di una scuola media di Roma, Quartiere Monteverde, per valutare la loro situazione rispetto all’ipertensione arteriosa al sovrappeso ed all’obesità, a confronto con una precedente indagine condotta dal medesimo gruppo di ricercatori, effettuata due anni prima.
METODI: Gli studenti studiati sono stati 336, 52% maschi e 48% femmine. La pressione arteriosa è stata misurata con apparecchio automatico Omron 2, precedentemente validato con sfigmomanometro a mercurio, con bracciale proporzionato, mentre il peso-statura è stato rilevato con bilancia Seca con statimetro. La valutazione dell’ipertensione ha tenuto conto delle recenti Tavole della Task Force, mentre per sovrappeso-obesità delle Tavole di Cole et al.
RISULTATI: Complessivamente sono risultati ipertesi il 5% dei giovani. Erano sovrappeso sul totale il 13,9% ed il 2,3% obesi. Statisticamente significativa è stata la differenza per i sovrappeso.
CONCLUSIONI: Rispetto ad un nostro precedente studio di 2 anni prima, nella medesima scuola, si è osservata una riduzione nel numero di ragazzi sovrappeso, obesi e ipertesi. Questo a fronte di una variazione nelle abitudini alimentari che hanno favorito una buona prima colazione e di una corretta scelta di alimenti per pranzo e cena, ma sopratutto grazie ad un netto miglioramento dell’ attività fisica extrascolastica, attualmente praticata dal 92% degli studenti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

ettoremenghetti@tiscali.it