Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2014 August;66(4) > Minerva Pediatrica 2014 August;66(4):237-48

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2014 August;66(4):237-48

Copyright © 2014 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Anoressia nervosa e iperattività in adolescenza: correlati psichiatrici e internistici

Maestro S. 1, Scardigli S. 1, Brunori E. 1, Calderoni S. 1, Curzio O. 2, Denoth F. 2, Lorenzoni V. 2, Molinaro S. 2, Morales Ma. 2, Muratori F. 1

1 Dipartimento Clinico di Neuroscienze dell’Età Evolutiva, IRCCS Stella Maris, Calambrone, Pisa, Italia;
2 Istituto di Fisiologia Clinica, Consiglio Nazionale delle Ricerche CNR, Pisa, Italia


PDF  


OBIETTIVO: Verificare l’influenza dell’iperattività fisica sui parametri psichiatrici e internistici dell’anoressia nervosa restrittiva (ANR) ad esordio precoce.
METODI: Un totale di 73 adolescenti di sesso femminile (età media: 13.5 anni; DS: 2.27) con diagnosi di ANR, forma completa o parziale (DSM-IV-TR), è stato valutato tramite un ampio protocollo clinico all’inizio del ricovero. Tutte le pazienti hanno completato: valutazione psichiatrica per descrizione del DCA e della comorbidità; valutazione pediatrica completa inclusi dati auxologici, pressione sanguigna e frequenza cardiaca, assetto cardiaco generale e protocollo di screening sierologico DCA; stima dell’iperattività fisica sulla base dell’applicazione della “Structured Interview for Anorexic and Bulimic Disorder-Expert Form” (Item 40) in contesto di osservazione clinica. In base al livello di attività sono stati individuati soggetti iperattivi (ANR+IP) e non iperattivi (ANR-IP).
RISULTATI: Il gruppo di pazienti ANR+IP ha mostrato differenze statisticamente significative rispetto ai soggetti ANR-IP sia relativamente ad alcune variabili internistiche che nel profilo psichiatrico. Per le pazienti iperattive sono stati riscontrati valori di frequenza cardiaca, leptina, sodio, potassio e gamma proteine plasmatiche significativamente diversi rispetto al gruppo ANR-IP. Le pazienti con iperattività presentano inoltre ANR in forma completa nel 94% dei casi contro il 66,7% delle non iperattive; differenze importanti si rilevano inoltre nelle iperattive in relazione ai problemi di pensiero e attentivi, uniti a problematiche internalizzanti.
CONCLUSIONI: Questo studio ha fornito dei dati preliminari che possono indirizzare la ricerca verso l’elaborazione di trattamenti specifici dell’iperattività, per migliorare la prognosi ed evitare così la cronicizzazione del disturbo e lo sviluppo di complicanze nella vita adulta.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

sandra.maestro@inpe.unipi.it