Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2014 February;66(1) > Minerva Pediatrica 2014 February;66(1):77-87

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,764


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Pediatrica 2014 February;66(1):77-87

Copyright © 2014 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Parlare con gli adolescenti di alcol, droghe e sessualità

Bagley S. 1, Shrier L. 2, Levy S. 3

1 Section of General Internal Medicine Boston University School of Medicine Boston, MA, USA; 2 Division of Adolescent/Young Adult Medicine Boston Children’s Hospital and Department of Pediatrics, Harvard Medical School, Boston, MA, USA; 3 Division of Developmental Medicine Children’s Hospital Boston and Department of Pediatrics Harvard Medical School, Boston, MA, USA


PDF  


Discutere di alcol, droghe e sessualità è un aspetto importante dell’orientamento e dei consigli per la salute forniti di routine agli adolescenti. È importante che gli operatori sanitari utilizzino un approccio sistematico che includa la costruzione di un rapporto e la formulazione di domande di screening standard utilizzando un linguaggio acritico e neutro dal punto di vista del genere. Tale strategia riduce al minimo la possibilità di omettere domande chiave e aumenta l’efficacia dell’intervista, rispettando l’autonomia e le scelte dell’adolescente. Durante l’adolescenza, alcune delle visite mediche saranno condotte in presenza del solo adolescente. Come parte di tale transizione, i medici dovrebbero spiegare la riservatezza condizionata sia all’adolescente che ai genitori. Quando discutono di utilizzo di alcol e droghe, i medici devono essere in possesso di informazioni sugli schemi epidemiologici all’interno della loro area di pratica, devono utilizzare strumenti di screening standard e avere familiarità con le risorse di trattamento locali. In maniera analoga, quando discutono di sessualità, i medici devono adottare un approccio standard, come quello delle “5 P” (partner; prevenzione delle gravidanze; protezione dalle infezioni a trasmissione sessuale, pratiche e precedente storia di infezioni a trasmissione sessuale). I medici possono garantire agli adolescenti un ambiente sicuro nel quale condividere informazioni sensibili e comportamenti rischiosi utilizzando un approccio chiaro e coerente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

sarah.bagley@bmc.org