Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2013 December;65(6) > Minerva Pediatrica 2013 December;65(6):645-50

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2013 December;65(6):645-50

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

“Un minuto per la vita”: tecniche rianimatorie in lattanti a rischio di morte improvvisa. Realizzazione di un video didattico per i genitori

Cremante A., Nosetti L., Tovaglieri N., Niespolo A. C., Spica Russotto V., Mongiardi V., Nespoli L.

Centro SIDS, Clinica Pediatrica Università degli Studi dell’Insubria Ospedale di Circolo, Fondazione Macchi Varese, Italia


PDF  


Obiettivo. Il presente studio illustra il progetto realizzato presso il Centro SIDS/ALTE della Clinica Pediatrica di Varese, finalizzato a realizzare e fornire al genitore un filmato intitolato “Un Minuto Per La Vita” riguardante le manovre di Pediatric Basic Life Support (PBLS) che il genitore deve poter effettuare in caso di un evento che mette a rischio la vita del bambino. L’impatto dello strumento sul genitore è stato valutato mediante applicazione di un questionario autocompilativo.
Metodi. Durante la degenza la visione del filmato “Un minuto per la vita” è stata proposta a 308 genitori (122 padri, età media: 35,2 e 186 madri, età media 28,4). Tutti hanno compilato un questionario basato su 4 parametri: 1) chiarezza dei contenuti presentati; 2) ansia percepita durante la visione del filmato; 3) la rassicurazione legata alla possibilità di rivedere altre volte il filmato, dopo le dimissioni; 4) la percezione della sua utilità.
Risultati. Per quanto concerne la chiarezza dei contenuti, i risultati documentano che 231 genitori (pari al 75% del campione) lo ha valutato “molto chiaro”, mentre il 77 soggetti (25%) lo ha reputato “abbastanza chiaro”. In merito alla possibilità di poterne disporre a domicilio, 277 genitori (il 90% dei soggetti) hanno ritenuto che sarebbe molto rassicurante poterlo rivedere con tranquillità. Secondo 231 genitori (pari al 75% del campione) la visione del filmato non trasmetteva ansia, mentre 77 di loro (25% dei soggetti) si sono sentiti leggermente preoccupati in relazione alla visione. In ordine alla globale valutazione del filmato, tutti i genitori (308, pari al 100% del campione) sono stati concordi nell’affermarne l’estrema utilità.
Conclusioni. Il nostro studio apre la strada ad ulteriori studi prospettici inerenti l’adeguatezza e l’utilità del filmato realizzato. Sarà inoltre possibile valutare l’opportunità di divulgare il filmato a tutti i neo-genitori, ed eventualmente proporre corsi di primo soccorso aperti a tutti coloro che desiderano essere in grado di intervenire con prontezza e perizia qualora se ne presentasse la necessità.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

anna.cremante@libero.it