Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2013 Ottobre;65(5) > Minerva Pediatrica 2013 Ottobre;65(5):505-12

ULTIMO FASCICOLOMINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2013 Ottobre;65(5):505-12

lingua: Italiano

Terapia con palivizumab nell’infezione da virus respiratorio sinciziale

Carrera G., D’alterio R., Leone G., Zambetti C.

Sezione Patologia Neonatale, Unità Operativa di Pediatria 1, Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi, Lodi, Milano, Italia


PDF  ESTRATTI


Obiettivo. Palivizumab (Synagis, Abbott) è un anticorpo monoclonale della classe IgG correntemente utilizzato per la profilassi dell’infezione da virus respiratorio sinciziale (VRS). Considerato che palivizumab neutralizza la proteina F, responsabile della penetrazione del virus all’interno della cellula ospite e della successiva formazione di sincizi che determinano le manifestazioni cliniche, abbiamo voluto verificare se la precoce somministrazione dell’anticorpo in corso di infezione fosse in grado di modificarne favorevolmente il decorso, espletando quindi azione terapeutica.
Metodi. Sono stati studiati otto lattanti ricoverati con quadro clinico indicativo di grave infezione da VRS che ha reso necessario il ricorso alla ossigenoterapia e, in cinque casi, al supporto ventilatorio. Tutti i lattanti, previa esecuzione di aspirato naso-faringeo (che ha confermato il sospetto diagnostico) e l’acquisizione del consenso informato da parte dei genitori, sono stati trattati con palivizumab, somministrato per via i.m. alla dose di 15 mg/kg.
Risultati. Tutti i lattanti hanno presentato significativo miglioramento clinico e rapida risoluzione della sintomatologia, con conseguente precoce dimissione. A distanza di sette giorni, in sei lattanti l’aspirato naso-faringeo è risultato negativo.
Conclusioni. La somministrazione di palivizumab nella fase d’esordio dell’infezione da VRS sembra rivestire efficacia terapeutica. L’esiguità della casistica da noi presentata non permette tuttavia conclusioni definitive ma i risultati positivi ottenuti sono meritevoli di approfondimento mediante studi randomizzati e controllati.

inizio pagina