Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2013 October;65(5) > Minerva Pediatrica 2013 October;65(5):497-504

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,764


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2013 October;65(5):497-504

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Raggiungere gli obiettivi di nutrizione parenterale nei neonati in condizioni critiche: le formulazioni standardizzate sono migliori di quelle individualizzate?

Doublet J. 1, Vialet R. 1, Nicaise C. 1, Loundou A. 2, Martin C. 3, Michel F. 1

1 APHM, Hôpital Nord, Pediatric and Neonatal Intensive Care Unit, Marseille, France; 2 Aix Marseille Université, SPMC, EA 3279, Marseille, France; 3 Aix Marseille, Université, Marseille, France


PDF  


Obiettivo. Obiettivo del presente articolo è stato quello di determinare se gli obiettivi di nutrizione parenterale (NP) totale per i neonati nelle prime due settimane di vita si raggiunga meglio con la prescrizione di formulazioni individualizzate (NP-IND) o standardizzate (NP-STD).
Metodi. Uno studio retrospettivo è stato condotto in un’unità di terapia intensiva neonatale polivalente dotata di 16 posti letto in un ospedale universitario per confrontare due periodi da un anno, prima e dopo il passaggio da formulazioni individualizzate a formulazioni standardizzate. Sono state valutate tutte le prescrizioni per i neonati ricoverati nella nostra unità il loro primo giorno di vita, necessitanti della NP. L’endpoint primario era la percentuale di prescrizioni che soddisfaceva gli obiettivi di NP definiti nella politica scritta della nostra unità.
Risultati. Sono state incluse più di 3500 prescrizioni. Gli obiettivi della NP sono stati raggiunti al meglio con la NP-STD (44% vs 9,4% delle prescrizioni), anche dopo l’aggiustamento per il termine e il peso alla nascita. Le differenze tra i gruppi sono apparse già al terzo giorno della NP e sono rimaste nei primi 15 giorni della NP.
Conclusioni. Gli obiettivi della NP totale sono stati raggiunti meglio con la NP-STD. Forse poiché le formulazioni standardizzate contenevano quantità fisse e proporzionate di nutrienti, il loro utilizzo ha comportato una minore deviazione dalla politica stabilita.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

renaud.vialet@ap-hm.fr