Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2013 Ottobre;65(5) > Minerva Pediatrica 2013 Ottobre;65(5):473-85

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

  PEDIATRIA CLINICA


Minerva Pediatrica 2013 Ottobre;65(5):473-85

lingua: Inglese

Attuale gestione delle aritmie comuni e di altre anomalie elettrocardiografiche nei bambini

Idorn L.

Section of Pediatric Cardiology Department of Pediatrics and Adolescent Medicine, Rigshospitalet Copenhagen, Denmark


PDF  


Le aritmie cardiache primarie sono molto meno comuni nei lattanti e nei bambini rispetto agli adulti e i sintomi presentati possono essere vaghi e aspecifici. Sebbene le vere emergenze dovute alle aritmie instabili nei bambini siano rare, è essenziale identificare e gestire in maniera adeguata tali aritmie, poiché se non trattate possono condurre alla compromissione e all’arresto cardiopolmonari. La maggior parte dei bambini con un’aritmia primaria viene visitata da un pediatra, cardiologo o medico di pronto soccorso prima che venga prescritto loro un consulto specialistico presso un cardiologo pediatrico per una valutazione e gestione della condizione. Pertanto, i pediatri, i cardiologi e i medici di pronto soccorso devono essere in grado di riconoscere l’aritmia e in alcuni casi di fornire il trattamento acuto. Obiettivo del presente articolo è stato quello di fornire linee guida sulla diagnosi e la gestione delle tipologie di aritmie più comuni riscontrate in bambini con cuori strutturalmente normali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

lars.idorn@rh.regionh.dk