Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2013 April;65(2) > Minerva Pediatrica 2013 April;65(2):167-72

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2013 April;65(2):167-72

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Approccio diagnostico alle flogosi: validità della procalcitonina

Dimitri E. 1, Amialyanchyk V. 1, D’Angelo G. 1, Bordicchia F. 2, Gabrieli O. 1

1 Clinica Pediatrica dell’Università Politecnica delle Marche, Azienda Ospedaliera “G. Salesi” degli Ospedali Riuniti di Ancona, Ancona, Italia;
2 Laboratorio Analisi – Azienda Ospedaliera “G.Salesi” degli Ospedali Riuniti di Ancona Ancona, Italia


PDF  


Obiettivo. Lo scopo del nostro studio è quello di valutare l’utilità della procalcitonina rispetto alla PCR come marker diagnostico nelle flogosi infettive ed infiammatorie, per stabilirne l’accuratezza diagnostica e la capacità di correlazione con l’eziologia e la gravità
Metodi. Sono stati studiati 141 bambini ricoverati per febbre ad eziologia batterica, virale od infiammatoria, sia al momento dell’ammissione in Clinica, sia dopo la defervescenza. Per entrambi i test vengono calcolati i valori di sensibilità, specificità, valore predittivo positivo, valore predittivo negativo.
Risultati. L’accuratezza della procalcitonina è risultata sovrapponibile a quella della PCR in tutti i pazienti studiati; il test è risultato positivo nell’85,7% delle infezioni gravi ed ha aiutato a discriminare l’eziologia delle infezioni in quasi 2/3 dei pazienti.
Conclusioni. La procalcitonina fornisce un miglior apporto in fase di monitoraggio della flogosi, legato alla sua maggior rapidità di positivizzazione rispetto alla PCR e alla buona correlazione con l’eziologia e la gravità delle infezioni; tali caratteristiche la rendono un valido marker di flogosi anche se l’uso ordinario non è ancora consigliabile alla luce dell’incertezza sui valori di cut-off.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

elisadim@libero.it