Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2012 December;64(6) > Minerva Pediatrica 2012 December;64(6):595-606

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

  GASTROENTEROLOGIA ED EPATOLOGIA PEDIATRICA


Minerva Pediatrica 2012 December;64(6):595-606

lingua: Inglese

Malattie epatiche autoimmuni

Della Corte C., Sartorelli M. R., Comparcola D., Alterio A., Giorgio V., Papadatou B., Nobili V.

Hepatometabolic Department, Bambino Gesù Children’s Hospital, IRCCS, Rome, Italy


PDF  


Le malattie epatiche autoimmuni sono caratterizzate dal punto di vista istologico da un denso infiltrato di cellule mononucleate nel tratto portale e dal punto di vista sierologico da elevati livelli di transaminasi, immunoglobulina G (IgG) e autoanticorpi positivi in assenza di un’etiologia nota. In ambito pediatrico, vi sono tre affezioni del fegato nelle quali il danno epatico è dovuto verosimilmente a un attacco autoimmune: l’epatite autoimmune (AIH), la colangite sclerosante autoimmune (ASC) e l’epatite autoimmune “de novo” in seguito a trapianto epatico. L’esatta patogenesi dell’epatite autoimmune resta sconosciuta, ma è noto che fattori ambientali non identificati e a volte i farmaci possono scatenare la malattia in individui geneticamente predisposti. Lo spettro clinico della malattia è estremamente ampio e oscilla da individui asintomatici con anomalie nei test di funzionalità epatica fino all’insufficienza epatica fulminante. La diagnosi è basata su una combinazione di parametri biochimici e istologici e sull’esclusione di altre affezioni epatiche. Si tratta di una patologia relativamente rara ma devastante che progredisce rapidamente a meno che non venga avviato tempestivamente un trattamento immunosoppressivo. La terapia standard consiste di una combinazione di corticosteroidi e azatioprina ed è efficace nell’80% dei pazienti. Terapie alternative sono sempre più esplorate in pazienti che non rispondono al trattamento standard e/o manifestano effetti collaterali intollerabili. Obiettivo della presente review è quello di fornire una panoramica dell’attuale conoscenza della malattia epatica autoimmune in ambito pediatrico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

nobili66@yahoo.it