Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2012 Giugno;64(3) > Minerva Pediatrica 2012 Giugno;64(3):313-8

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532

 

Minerva Pediatrica 2012 Giugno;64(3):313-8

 ARTICOLI ORIGINALI

Masse surrenaliche neonatali: esistono criteri attendibili per la diagnosi differenziale e gestione prenatale?

Calisti A. 1, Oriolo L. 1, Molle Ph. 1, Miele V. 2, Spagnol L. 1

1 Pediatric Surgery and Urology Unit, San Camillo Forlanini Hospital, Rome, Italy;
2 Radiology Department, San Camillo Forlanini Hospital, Rome, Italy

Obiettivo. La diagnosi differenziale delle masse surrenaliche neonatali (NAM) si basa spesso su criteri empirici. Un atteggiamento conservativo è giustificato da una frequente risoluzione spontanea che tuttavia non è solo tipica delle emorragie surrenaliche (AH) ma può verificarsi anche per il neuroblastoma (NB). Purtroppo una differenziazione tra le due diagnosi è possibile retrospettivamente solo ove sia disponibile il dato istologico. Scopo dello studio è stata la correlazione tra i dati clinici e diagnostici di una serie di NAM con la diagnosi finale.
Metodi. Di una serie di 23 NAM, a diagnosi pre e postnatale sono stati raccolti i dati relativi a: storia prenatale, esordio clinico, dati di laboratorio e radiologici, eventuali dati istologici ed esito.
Risultati. Il rapporto M/F era 1.6/1. Le dimensioni della lesione andavano da 17 a 50 mm;. nessun flusso Doppler (PD) in 14/23, catecolamine urinarie (UCM) elevate in 5/23. Si osservava una riduzione spontanea in 14/23 in un tempo medio di 3 mesi. MIBG and TC risultavano positivi rispettivamente in 8 e 9 casi su 16 NAM, invariate o aumentate ad un mese dalla diagnosi. Tre casi svilupparono una forma di NB IV S confermato alla biopsia e regredito entro 20 mesi. La chirurgia fu riservata a 6 NAM immodificate/aumentate a 3-6 mesi; in tutte la diagnosi fu di NB. Il valore predittivo per NB si rivelò alto per MIBG e TC, inferiore per livelli aumentati di UCM e PD positivo per flusso.
Conclusioni. Chiari criteri differenziali tra AH e NB nelle NAM sono ancora carenti. Anche se la regressione è considerata un criterio di benignità esso è pur sempre un criterio retrospettivo. In mancanza di un dato istologico in molte delle NAM regredite siamo tuttora privi di dati inequivocabili di laboratorio e per immagini che consentano una precisa diagnosi ed evitino il ricorso ad indagini ripetute e spesso invasive.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina