Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2011 December;63(6) > Minerva Pediatrica 2011 December;63(6):491-505

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

  OBESITÀ INFANTILE


Minerva Pediatrica 2011 December;63(6):491-505

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Aspetti psicosociali dell’obesità infantile

De Niet J. E. 1-3, Naiman D. I. 4

1 Department of Pediatrics, University of British Columbia, Vancouver, Canada;
2 Department of Medical Psychology and Psychotherapy, Erasmus MC University Medical Centre, Rotterdam, The Netherlands;
3 Division of Reproductive Medicine, Department of Obstetrics and Gynaecology, Erasmus MC University Medical Centre, Rotterdam, The Netherlands;
4 School of Population and Public Health, University of British Columbia, Vancouver, Canada


PDF  


I tassi di obesità infantile stanno aumentando a un ritmo impressionante in tutto il mondo. Ciò è particolarmente preoccupante, poiché l’obesità è associata a diverse ripercussioni psicofisiche. Numerosi studi indicano che i bambini obesi hanno un benessere psicologico compromesso (ad esempio depressione e basse autostima e qualità della vita) rispetto ai loro coetanei normopeso. Negli ultimi decenni sono state condotte numerose ricerche in quest’area, per cui il presente articolo fornisce una panoramica generale del tesoro d’informazioni a nostra disposizione sugli aspetti psicosociali dell’obesità infantile. Nel presente articolo forniamo una panoramica generale: 1) degli aspetti psicosociali che contribuiscono all’insorgenza dell’obesità infantile; 2) delle conseguenze psicosociali dell’obesità infantile; 3) degli interventi di modifica degli stili di vita famigliari per trattare l’obesità infantile e garantire il successo del trattamento. Sebbene possa sembrare ovvio che i bambini e gli adolescenti obesi siano a più alto rischio per i problemi psicologici, i fattori medianti nella relazione tra problemi psicologici e obesità non sono ancora chiari. L’obesità è un disturbo complesso con un’eziologia altrettanto complicata, associata quindi a comportamenti complessi e a esiti che ne rendono difficile lo studio nei bambini. È stato indicato che gli interventi sugli stili di vita famigliari possono migliorare il benessere psicologico dei bambini obesi. Tuttavia, non tutti i bambini traggono vantaggi da tali interventi. Gli interventi mirati a migliorare i risultati del trattamento necessitano di ulteriori indagini. Ad esempio, gli interventi mirati in maniera specifica a gruppi che tendono ad avere meno successo nei programmi e negli interventi di perdita di peso e che mirano a fornire un supporto a lungo termine a tali individui sono raccomandati.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

jdeniet@cfri.ubc.ca