Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2011 December;63(6) > Minerva Pediatrica 2011 December;63(6):439-43

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2011 December;63(6):439-43

lingua: Inglese

Decorso clinico dei megaureteri di grado I-III osservati attraverso ecografia prenatale

Zampieri N. 1, 2, Zamboni C. 3, Camoglio F. S. 2

1 Department of Anesthetic and Surgical Sciences, Policlinico G.B. Rossi, University of Verona, Verona, Italy;
2 Department of Pediatrics, Orlandi General Hospital, Verona, Italy;
3 Ultrasound Unit, Division of Prenatal Diagnosis, Department of Obstetrics and Gynecology, Civile Maggiore Hospital, Verona, Italy


PDF  


Obiettivo. Il megauretere primitivo è sempre stato considerato come difetto urologico a carattere evolutivo. Lo scopo di questo studio è di valutare il decorso clinico dei megaureteri osservati in un singolo centro, attraverso un’analisi osservazionale.
Metodi. Dall’aprile 2004 all’aprile 2006 sono stati diagnosticati attraverso l’ecografia prenatale 35 casi di megauretere. Sono stati creati criteri di inclusione per lo studio. Il trattamento conservativo è sempre stato il trattamento di scelta per tutti i pazienti, e l’andamento clinico è stato monitorato attraverso esami di laboratorio, ecografie periodiche e scintigrafia. Il follow-up è durato almeno tre anni.
Risultati. Venti pazienti sono stati considerati idonei allo studio. Il trattamento conservativo è risultato essere vantaggioso in questi pazienti e l’infezione delle vie urinarie (singola o recidivante) non sembra essere un’indicazione assoluta all’intervento.
Conclusioni. Il trattamento conservativo è un efficace trattamento di scelta per questi pazienti; l’infezione delle vie urinarie non è un’indicazione assoluta all’intervento. Tuttavia è necessario un follow-up a lungo termine per validare ulteriormente questo approccio.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

dr.zampieri@libero.it.