Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2011 October;63(5) > Minerva Pediatrica 2011 October;63(5):369-73

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2011 October;63(5):369-73

lingua: Inglese

Incidenza delle infezioni del tratto urinario nei neonati con setticemia: studio prospettico

Milani Hosseini S. M. 1, Ataei N. 2, Khalafi F. 1, Sheikhvatan M. 3

1 Department of Neonatology, The Children’s Hospital Medical Center, School of Medicine, Medical Sciences/University of Teheran, Teheran, Iran;
2 Department of Pediatric Nephrology, The Children’s Hospital Medical Center, School of Medicine, Medical Sciences, University of Tehran;
3 Medical Science, University of Tehran Tehran, Iran


PDF  


Obiettivo. L’obiettivo di questo studio era di analizzare l’incidenza e il decorso clinico delle infezioni del tratto urinario (ITU) in neonati con setticemia e le più frequenti manifestazioni cliniche delle ITU nei neonati ospedalizzati.
Metodi. Uno studio cross-sezionale è stato condotto su neonati consecutivi con febbre di età compresa tra 1 e 56 giorni, ricoverati nell’unità di terapia intensiva neonatale. Tutti i neonati con urocoltura positiva sono stati sottoposti a scintigrafia con acido dimercaptosuccinico marcato con tecnezio -99m (DMSA) e a ecografia. La custouretrografia minzionale è stata effettuata durante lo stato di malattia, mediamente entro 5-7 giorni dal ricovero.
Risultati. L’emocoltura è risultata positiva solo nel 9% dei pazienti. Tuttavia, 5% di loro aveva un’urocoltura positiva. Reperti patologici all’ecografia e il reflusso vescico-ureterale sono stati riscontrati in due dei cinque (40%) e in uno dei cinque (20%) neonati con urocoltura positiva, rispettivamente.
Conclusioni. La scintigrafia con DMSA ha evidenziato alterazioni del parenchima renale in tre dei cinque (60%) neonati con urosepsi. L’incidenza di ITU nei neonati con setticemia è bassa. Tutti i neonati con sepsi e urocoltura positiva dovrebbero essere sottoposti a screening con scintigrafia renale e cistografia per identificare l’eventuale coinvolgimento del parenchima renale e la presenza di alterazioni del tratto urinario.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

swt_f@yahoo.com