Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2011 Aprile;63(2) > Minerva Pediatrica 2011 Aprile;63(2):149-62

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

ARTICOLI SPECIALI  


Minerva Pediatrica 2011 Aprile;63(2):149-62

lingua: Italiano

Maria Sandrucci: al passo con i tempi della scienza, testimone delle pari opportunità

Farnetani I. 1, Farnetani F. 2, Bona G. 3, Mussa G. C. 4

1 Dipartimento di Neuroscienze, Clinica Odontoiatrica, Università degli Studi di Milano-Bicocca, Monza, Monza Brianza, Italia;
2 Medico Chirurgo, collaboratore dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana, “Treccani”, Roma, Italia;
3 Clinica Pediatrica , Università degli Studi del Piemonte Orientale, “A. Avogadro”, Novara, Italia;
4 Professore Emerito di Pediatria, Università degli Studi di Torino, Torino, Italia


PDF  


Questo è il primo studio dell’attività scientifica di Maria Sandrucci, che fu direttore della Clinica Pediatrica dell’Università degli Studi di Torino dall’anno accademico 1965-1966 e fino al 31 dicembre 1989. La Sandrucci condusse importanti studi sulle cardiopatie congenite, fu la prima in Italia e fra le prime in Europa a descrivere i casi di focomelia. Sono inoltre da segnalare le sue pregevoli ricerche su antibiotici, uricemia, nefrologia pediatrica, medicina nucleare e genetica. Favorì lo sviluppo delle specialità pediatriche, ma allo stesso tempo promosse lo studio e la pratica dell’intera pediatria. Questo studio illustra mezzo secolo di progressi della medicina, di storia della pediatria italiana e il progredire della conquista dei diritti e delle pari opportunità per le donne.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail