Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2011 April;63(2) > Minerva Pediatrica 2011 April;63(2):99-104

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,764


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2011 April;63(2):99-104

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Enuresi notturna primaria e difficoltà di apprendimento

Esposito M. 1, Carotenuto M. 1, Roccella M. 2

1 Department of Child and Adolescent Neuropsychiatry, Center for Sleep disorders in childhood, Second University of Naples, Naples, Italy; 2 Department of Psychology, University of Palermo, Palermo, Italy


PDF  


Obiettivo. L’enuresi notturna primaria rappresenta il disturbo del sonno più frequente in età pediatrica (prevalenza del 6-10% tra 5 e 16 anni) e notevole impatto sullo sviluppo emotivo e sociale. Scopo dello studio è valutare la prevalenza delle difficoltà scolastiche tra gli enuretici e il ruolo dell’enuresi come fattore di rischio per il loro sviluppo.
Metodi. La popolazione è composta da 25 enuretici (14 maschi) di età media di 7,59 anni reclutati nel Centro per i Disturbi del Sonno per l’Età Evolutiva della Seconda Università degli Studi di Napoli. Le abilità di lettura sono state valutate tramite le scale MT e la performance cognitiva tramite la scala WISC-R. Il gruppo di controllo è costituito da 54 bambini (23 maschi) confrontabili per età e distribuzione tra i sessi. Il test del χ2 è stato usato per verificare la differente prevalenza delle difficoltà scolastiche tra i gruppi. Il livello di significatività scelto è P<0,05. La regressione logistica è stata effettuata per valutare il rischio di sviluppare le difficoltà d’apprendimento tra gli enuretici.
Risultati. Le difficoltà di lettura sono presenti in 18 enuretici e in 7 controlli (P<0,001). Il χ2 mostra una differenza significativa tra i due gruppi nella prevalenza del livello “richiesta d’attenzione” (P<0,001) e nel livello “border-line” (P<0,001). La regressione logistica mostra un elevato rischio di sviluppare difficoltà di apprendimento tra gli enuretici (OR 17,26; CI95% 5,30-56,19).
Conclusioni. Il nostro studio evidenzia la più alta prevalenza di difficoltà di lettura lievi nei soggetti enuretici rispetto ai controlli.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

mroccella@tin.it