Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2011 April;63(2) > Minerva Pediatrica 2011 April;63(2):93-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2011 April;63(2):93-8

lingua: Inglese

Aumentata incidenza dell’atresia esofagea nel Nord-Ovest della Toscana: anni 1994-2007

Ceccatelli G., Betti M., Vuerich M., Candido G., Moscuzza F., Boldrini A., Ghirri P.

Division of Neonatology and Neonatal Intensive Care Unit, S. Chiara Hospital, University of Pisa, Pisa, Italy


PDF  


L’atresia esofagea e l’ano imperforato sono malformazioni congenite, con un’incidenza variabile da 1/4000 a 1/5000 nati. Lo scopo di questo lavoro è stato quello di valutare l’incidenza di queste malformazioni nell’area Nord-Ovest della Toscana e delle anomalie ad esse associate in confronto con i dati pubblicati dal Registro Malattie Congenite della Toscana. E’ stato effettuato uno studio retrospettivo che analizzava la casistica di queste malformazioni negli anni 1994-2007 su un totale di 25051 nascite presso la Divisione di Neonatologia dell’Ospedale di S. Chiara, Pisa. Sono stati individuati 14 casi di atresia esofagea e 5 casi di ano imperforato. Nella nostra esperienza l’incidenza di atresia esofagea ed ano imperforato è stata rispettivamente di 1/1.800 e 1/5.000 in confronto con i dati rilasciati dal Registro Malattie Congenite della Toscana che mostravano una incidenza di 1/6644 e 1/4403 in tutta la Toscana. Cinque casi di atresia esofagea (36%) e 2 casi di ano imperforato (40%) sono stati associati con altre malformazioni congenite. Il nostro studio retrospettivo ha mostrato una maggiore incidenza di atresia esofagea nell’area Nord-Ovest della Toscana, rispetto al resto della regione, a differenza dell’ incidenza di ano imperforato che è la stessa in tutta Toscana. In entrambi i casi la forma isolata è più frequente di quella sindromica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

francescam82@gmail.com