Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2010 Giugno;62(3) > Minerva Pediatrica 2010 Giugno;62(3):329-32

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Pediatrica 2010 Giugno;62(3):329-32

lingua: Italiano

Un segno dei tempi che cambiano: scabbia neonatale

Guerci S., Cappellaro E., Contratti M., Corna A., Fazi M. C., Orini S., Sassi G., Tedoldi S., Vaccaro T., Volpini S., Colombo M.

1 Unità Operativa di Pediatria e Neonatologia, Presidio Ospedaliero di Manerbio e Gavardo Brescia, Italia
2 Ambulatorio di Dermatologia, Presidio Ospedaliero di Manerbio, Brescia, Italia


PDF  


La scabbia è un’ectoparassitosi cutanea a trasmissione interumana diretta e indiretta. La sua incidenza, in riduzione negli ultimi decenni, mostra attualmente un incremento legato soprattutto ai fenomeni immigratori a partenza da Paesi in cui, a causa delle condizioni igienico-sanitarie scadenti, la patologia è endemica. In tale contesto è sempre più frequente osservarla anche in età pediatrica e, talvolta, neonatale. In particolare, in quest’ultima fascia d’età, la diagnosi può non essere immediata, in quanto il quadro cutaneo differisce spesso da quello che si osserva tipicamente nel bambino e nell’adulto. Il caso che descriviamo riguarda una neonata indiana di 30 giorni di vita, in buone condizioni generali, giunta alla nostra attenzione per una dermatite pustolosa diffusa. La presenza nella mamma di lesioni compatibili con scabbia e l’eosinofilia rilevata agli esami ematochimici della bambina ha generato il sospetto di questa patologia, ma la difficoltà ad osservare l’acaro al microscopio sullo scarificato cutaneo e la mancata risposta ad un primo trattamento con PAF, ha indotto a mettere in dubbio tale diagnosi. Inoltre, il riscontro, nei primi giorni di degenza della bambina, di una piastrinopenia persistente ha orientato l’attenzione anche verso altre e più complesse ipotesi. Solo il rapido miglioramento del quadro cutaneo dopo ulteriore trattamento antiscabbico (questa volta con permetrina) e la successiva normalizzazione dei valori delle piastrine, hanno permesso di confermare la diagnosi iniziale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

colombo.mario1@virgilio.it