Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2010 Aprile;62(2) > Minerva Pediatrica 2010 Aprile;62(2):203-16

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile

Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4946

Online ISSN 1827-1715

 

Minerva Pediatrica 2010 Aprile;62(2):203-16

 REVIEW

L’indagine medico-legale nella Sudden Infant Death Syndrome: diagnosi differenziale tra cause di morte naturali e cause violente

Ventura F., Portunato F., Celesti R.

Dipartimento di Medicina Legale, del Lavoro, Sezione di Medicina Legale, Psicologia Medica e Criminologia
dell’Università di Genova, Genova, Italia

La sindrome della morte improvvisa del lattante (sudden infant death syndrome, SIDS) è la morte improvvisa di ogni infante o bambino piccolo (tendenzialmente entro il primo anno di vita) che giunge come evento inaspettato, stando alla storia del soggetto, e per la spiegazione del quale l’esame necroscopico non riesce a dimostrare un’adeguata causa di morte. L’attenta valutazione medico forense della scena della morte e dei dati clinico-anamnestici assieme all’approfondimento anatomoistopatologico sono gli elementi essenziali per giungere a una corretta diagnosi differenziale tra cause naturali e cause violente di morte, anche se a volte con notevoli difficoltà interpretative. Soltanto in rarissimi casi (con statistiche variabili e non sempre uniformi), nonostante l’applicazione scrupolosa del protocollo di indagine, non si riesce a individuare la precisa causa di morte. In questi casi, generalmente caratterizzati da un quadro anatomopatologico aspecifico di tipo anossico generalizzato, la diagnosi di morte accettata per esclusione è appunto quella della SIDS. Lo studio del fenomeno non può prescindere da un approccio multidisciplinare che necessariamente deve vedere, come protagonista della gestione del caso di morte infantile, il medico legale, il quale, per giungere a una migliore valutazione diagnostica, dovrà semmai coordinarsi con altri specialisti (anatomopatologo, pediatra, ecc.)

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina