Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2010 Aprile;62(2) > Minerva Pediatrica 2010 Aprile;62(2):161-9

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile

Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4946

Online ISSN 1827-1715

 

Minerva Pediatrica 2010 Aprile;62(2):161-9

 ARTICOLI ORIGINALI

Disturbi del sonno in neonati di due mesi di età che condividono il letto con i genitori

Kelmanson I. A.

Department of Pediatric Clinical Psychology, Institute of Special Education and Special Psychology of the Raoul Wallenberg International University for Family and Child, St. Petersburg, Russia

Obiettivo. L’obiettivo di questo studio è stato quello di valutare la possibile relazione esistente tra la condivisione del letto da parte dei neonati con i genitori durante il sonno notturno e le caratteristiche del sonno in neonati di due mesi di età.
Metodi. Centododici neonati in buona salute non ricoverati in ospedale e residenti sul territorio (48 maschi, 64 femmine), che erano figli unici nati a San Pietroburgo, Russia nel 2007, a termine, normopeso sono stati inclusi nello studio. I neonati non presentavano segni di malformazioni congenite, di infezioni intrauterine, di patologie ereditate o progressive. Le informazioni riguardanti le principali caratteristiche dei neonati, della madre e demografiche sono state raccolte dai documenti medici disponibili. Le madri sono state intervistate da personale esperto e addestrato. In una sezione dell’intervista, alle madri è stato chiesto di rispondere se il neonato dormisse regolarmente in un lettino separato o se, invece, condividesse regolarmente il letto dei genitori durante la notte, e di compilare un questionario riportando il comportamento del neonato durante il sonno.
Risultati. Dei 112 neonati, 83 (74%) dormivano in un letto separato, mentre i restanti 29 (26%) condividevano il letto con i parenti. Non sono state rilevate differenze statisticamente significative per quanto riguarda le principali caratteristiche dei neonati, dei genitori e demografiche tra i due gruppi. I neonati che condividevano il letto con i genitori presentavano valori significativamente maggiori (problemi maggiori) in termini di durata del sonno e risvegli notturni. In questo gruppo di pazienti, i neonati dormivano troppo poco, si svegliavano più di due volte durante la notte, meno frequentemente si riaddormentavano senza aiuto dopo il risveglio. Valori significativamente maggiori sono stati riscontrati nel punteggio relativo ad alterazioni del respiro durante il sonno ed alla parasomnia; il respiro rumoroso durante il sonno era più frequentemente riportato in questo gruppo di neonati.
Conclusioni. Le mamme riportavano più frequentemente un sonno disturbato nei bambini di due mesi di età che condividevano il letto con i genitori.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina