Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2010 February;62(1) > Minerva Pediatrica 2010 February;62(1):79-89

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Pediatrica 2010 February;62(1):79-89

lingua: Inglese

Emorragie intraventricolare ed idrocefalo post-emorragico nei neonati pretermine

Miranda P.

Department of Pediatric Neurosurgery, Hospital La Fe, Valencia, Spain


PDF  


L’emorragia intraventricolare e l’idrocefalo post-emorragico rappresentano le più importanti complicanze neurologiche nei neonati pretermine durante il periodo neonatale. L’incidenza dell’emorragia intraventricolare della matrice germinale varia ampiamente tra il 5% e il 90%, in base alla popolazione di studio. Sebbene l’incidenza dell’emorragia intraventricolare aumenti con la diminuzione dell’età gestazionale, le emorragie di grado maggiore si verificano più frequentemente nei neonati di basso peso. I neonati affetti da emorragia intraventricolare o da idrocefalo post-emorragico spesso presentano uno scarso sviluppo neurologico, con disordini convulsivanti, problemi relativi al QI e gravi limitazioni motorie. Diversi fattori sono stati chiamati in causa nella patogenesi dell’emorragia intraventricolare della matrice germinale, tra cui fattori intravascolari, vascolari, ed extravascolari. Qualsiasi situazione che determini un’alterazione del flusso ematico cerebrale e/o della pressione ematica all’interno del sistema nervoso centrale può esitare in un’emorragia della matrice germinale intraventricolare nei neonati pretermine. La diagnosi è spesso difficile da porre in base a soli criteri clinici, tuttavia la validità e le informazioni derivanti dagli studi ecografici del cranio permettono di definirne la diagnosi. Le modalità di trattamento prevedono la somministrazione di farmaci che riducono la produzione di liquido cerebrospinale (cerebrospinal flow, CSF) e interventi chirurgici per derivare transitoriamente o in modo permanente il flusso del CSF. Le derivazioni permanenti del CSF rappresentano attualmente l’unico trattamento provato in caso di idrocefalo post-emorragico progressivo, sebbene esse siano soggette a frequenti complicanze. La prevenzione della nascita prematura di per sé rappresenta la chiave per ridurre il numero di pazienti con derivazione del CSF.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

mirandalloret@yahoo.es