Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2010 February;62(1) > Minerva Pediatrica 2010 February;62(1):51-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,764


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2010 February;62(1):51-5

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Scarso miglioramento nella modalità di somministrazione di farmaci b2 nei reparti di pediatria: sorveglianza in Piemonte e Valle d’Aosta

Guala A. 1, Bertone A. 2, Barbaglia M. 1, Orioli L. 1, Boscardini L. 1, Rallo M. 1, Bignamini E. 3

1 Pediatric Department, Castelli Hospital, Verbania, Italy; 2 Pediatric Department, SS Pietro e Paolo Hospital Borgosesia, Vercelli, Italy; 3 Pneumology Unit, Regina Margherita Pediatric Hospital, Turin, Italy


PDF  


Obiettivo. Negli ultimi anni molte consensus conferences di società scientifiche hanno ribadito i vantaggi nell’uso della terapia somministrata con spray e distanziatore rispetto alla terapia aerosolica classica, tanto nella terapia dell’attacco acuto di asma che per il trattamento di fondo. A fronte di una documentazione più che convincente, la classe medica ha mostrato atteggiamento controverso nei confronti di questo tipo di somministrazione: ad una generale accettazione della sua superiorità si accompagna una inspiegabile scarsa aderenza nella pratica clinica.
Metodi. Nel 2006 gli autori hanno condotto una indagine conoscitiva che ha coinvolto i reparti ospedalieri pediatrici del Piemonte e della Valle d’Aosta per valutare l’utilizzo dei distanziatori nel trattamento dell’asma acuta dei bambini ricoverati. I risultati di questa indagine sono stati confrontati con i risultati di una successiva indagine condotta nel 2008 attraverso un identico questionario presso le stesse strutture.
Risultati. Nei due anni di sorveglianza non c’è stato un aumento dell’uso degli spray e distanziatore ma addirittura si è notato un decremento.
Conclusioni. Nonostante vi siano chiare evidenze della superiorità dell’uso degli spray e distanziatori rispetto all’aerosol, nella nostra realtà vi è stato un decremento temporale del loro uso. Un intervento promozionale multidisciplinare potrebbe giocare un ruolo importante nella implementazione di tale pratica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

andrea.guala@aslvco.it