Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2009 October;61(5) > Minerva Pediatrica 2009 October;61(5):477-82

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2009 October;61(5):477-82

lingua: Inglese, Italiano

L’utilizzo della scintigrafia polmonare nel management dei corpi estranei inalati nei bambini: la nostra esperienza

Guanà R. 1, Gesmundo R. 1, Maiullari E. 1, Bianco E. R. 1, Vinardi S. 1, Cortese M. G. 1, Silvestro L. 2, Canavese F. 1

1 Division of Pediatric Surgery B, Center of Children’s Nuclear Medicin, University of Turin, Turin, Italy
2 Department of Pediatrics and Adolescents Sciences, University of Turin, Turin, Italy


PDF  


Obiettivo. È stata condotta un’analisi retrospettiva per valutare l’efficacia del nostro protocollo di management dei corpi estranei inalati (CEI) nei bambini (età ≤14 anni), sottolineando l’utilità della scintigrafia polmonare nella selezione dei pazienti da sottoporre ad esame broncoscopico.
Metodi. Sono state prese in esame le indagini broncoscopiche effettuate dall’equipè chirurgica della Divisione di Chirurgia Pediatrica B dell’Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, da luglio 2001 a dicembre 2007, nel sospetto di CEI.
Risultati. Complessivamente sono stati identificati 32 CEI in 25 pazienti di sesso maschile e 7 pazienti di sesso femminile, con un’età media di 2,7 anni (intervallo compreso tra 6 mesi e 13 anni). L’algoritmo diagnostico ha incluso: raccolta accurata dell’anamnesi, valutazione clinica, radiografia del torace in due proiezioni e scintigrafia polmonare perfusoria. L’esame broncoscopico è stato effettuato, in anestesia generale, nei pazienti con scintigrafia risultata positiva per CEI. Nella procedura di estrazione è stato utilizzato un broncoscopio flessibile pediatrico da 2,7 mm, passato attraverso il tubo endotracheale, esclusivamente per dimostrare e localizzare il CEI, ed un broncoscopio rigido di 3,5-4 mm per estrarlo. L’estrazione con il broncoscopio rigido è stata possibile in tutti i casi. Il tempo medio di esecuzione della procedura endoscopica con entrambi gli strumenti è stato di 46 minuti (intervallo 35-200 minuti). Non si sono verificate complicazioni a breve e a lungo termine connesse con entrambe le procedure.
Conclusioni. L’estrazione in broncoscopia rigida dei CEI nei pazienti pediatrici è una procedura sicura e può essere effettuata con minimi rischi e complicanze. L’attenta selezione dei pazienti rimane determinante per la scelta dei candidati all’esame endoscopico. Nell’esperienza qui riportata la valutazione scintigrafia ha dimostrato di essere di gran valore al fine di ottenere una diagnosi pre-endoscopica corretta.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail