Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2009 Agosto;61(4) > Minerva Pediatrica 2009 Agosto;61(4):445-50

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Pediatrica 2009 Agosto;61(4):445-50

lingua: Italiano

Distacchi epifisari multipli in una bambina con paralisi cerebrale infantile e scorbuto

Iacono O., Datola A., Barbagallo M. L., Greco F., Sorge G.

Dipartimento di Pediatria, Università degli Studi di Catania, Catania, Italia


PDF  


Lo scorbuto, ormai raro nel mondo occidentale, è una malattia determinata dall’insufficiente apporto dietetico di vitamina C, molecola coinvolta nella sintesi e nel metabolismo del collagene. Fattori di rischio per lo sviluppo dello scorbuto sono la malnutrizione, le sindromi con malassorbimento, l’alcolismo, le paralisi cerebrali infantili. Le principali manifestazioni cliniche comprendono astenia, dimagrimento, irritabilità, gengivorragie, porpora, ipercheratosi follicolare e artromialgie intense, dovute alla presenza di fratture multiple ed emorragie subperiostee, tali da comportare pseudoparalisi, con tipico atteggiamento a “rana” e impossibilità a deambulare. Gli autori riportano il caso di una bambina dell’età di nove anni, affetta da tetraparesi spastica, giunta alla loro osservazione per anemia grave, febbre e distacchi epifisari multipli alla scapola destra e al ginocchio sinistro, nella quale è stata posta diagnosi di deficit di vitamina C. Gli autori hanno ritenuto importante segnalare questo caso oltre che per la rarità e la gravità della patologia, per il peculiare riscontro nei soggetti con tetraparesi spastica. La terapia, sostitutiva, prevede la somministrazione di acido ascorbico, con progressivo miglioramento dello stato generale del paziente in due settimane e restitutio ad integrum delle lesioni cutaneo-mucose, quali le gengivorragie, entro tre mesi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail