Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2009 June;61(3) > Minerva Pediatrica 2009 June;61(3):283-91

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

REVIEW  INTESTINAL FAILURE AND REHABILITATION


Minerva Pediatrica 2009 June;61(3):283-91

Nutrizione parenterale totale nei pazienti con sindrome da intestino corto

Ekema G., Milianti S., Boroni G.

Department of Pediatric Surgery Civil Hospitals and University of Brescia, Brescia, Italy


PDF  


A causa degli approcci chirurgici e medici più aggressivi per la gestione delle gravi patologie intra-addominali neonatali, attualmente stiamo assistendo a un aumento della prevalenza della sindrome da intestino corto (short bowel sindrome, SBS). La riabilitazione intestinale può essere raggiunta, nella SBS, con una strategia che fonda gli approcci nutrizionale, farmacologico e chirurgico, per raggiungere l’obiettivo finale rappresentato dalla nutrizione enterale. La nutrizione clinica a lungo termine, che combina la nutrizione parenterale totale (total parenteral nutrition, TPN) e quella enterale, è necessaria per il processo adattativo. La TPN a lungo termine può, tuttavia, associarsi a complicanze settiche e metaboliche, la maggior parte delle quali sono state ridotte in maniera consistente dalla migliore comprensione dei prerequisiti per la sua applicazione e dai miglioramenti delle soluzioni utilizzate per la nutrizione parenterale. La colestasi da nutrizione parenterale (parenteral nutrition associated colestasis, PNAC) e l’epatopatia da nutrizione parenterale (PNALD) restano invece le complicanze più problematiche e sono caratterizzate da un alto tasso di mortalità. La loro prevenzione migliorerà ulteriormente il ruolo della TPN nei pazienti con SBS. L’eziologia della PNAC e della PNALD, sebbene incerta, si pensa che sia multifattoriale e le teorie proposte comprendono anche problemi derivanti dalle emulsioni lipidiche. La nutrizione parenterale (parenteral nutrition, PN), che include acidi grassi n-3 sembra diminuire l’estensione della risposta infiammatoria, che si pensa sia responsabile della PNAC e della PNALD. Questo articolo tenta di rivedere il ruolo della TPN nel processo riabilitativo e discute le richieste di energia e di macronutrienti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail