Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2009 Giugno;61(3) > Minerva Pediatrica 2009 Giugno;61(3):263-72

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532

 

Minerva Pediatrica 2009 Giugno;61(3):263-72

INTESTINAL FAILURE AND REHABILITATION 

 REVIEW

Qual è il ruolo attuale delle emulsioni lipidiche somministrate per via parenterale contenenti acidi grassi omega-3 nei neonati affetti dalla sindrome dell’intestino corto?

Diamond I. R., Pencharz P. B., Wales P. W.

Group for Improvement of Intestinal Function and Treatment (GIFT) Hospital for Sick Children, Toronto, ON, Canada

L’epatopatia associata alla nutrizione parenterale costituisce la più frequente complicanza della sindrome dell’intestino corto pediatrica (SBS). Vi è attualmente una sempre maggior evidenza che questa patologia possa essere contrastata dalla somministrazione parenterale di emulsioni lipidiche derivate dagli olii di pesce, che contengono concentrazioni significative di acidi grassi omega-3 (w3FA). In questo articolo, gli autori presentano una revisione sul rationale dell’impiego per via parenterale di emulsioni di lipidi contenenti w3FA nella SBS e sull’evidenza della loro efficacia. In base ai risultati promettenti e alla apparente sicurezza di queste emulsioni, gli autori hanno anche valutato quale potrebbe essere il ruolo, nei bambini, di emulsioni di lipidi contenenti w3FA somministrati per via parenterale

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina