Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2008 Dicembre;60(6) > Minerva Pediatrica 2008 Dicembre;60(6):1437-43

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Pediatrica 2008 Dicembre;60(6):1437-43

lingua: Italiano

Prevenzione dietetica primaria dell’allergia: idrolisati parziali o estensivi?

Miniello V. L., Francavilla R., Brunetti L., Franco C., Lauria B., Lieggi M. S., Lippolis P., Ricapito V., Armenio L.

Dipartimento di Biomedicina dell’Età Evolutiva Università degli Studi di Bari, Bari, Italia


PDF  


L’allarmante incremento della prevalenza e morbidità delle patologie allergiche, registrato a livello planetario, ha polarizzato l’attenzione sulla storia naturale dell’atopia e sulle strategie di prevenzione primaria. A tal proposito, sono state proposte restrizioni dietetiche per lattanti provenienti da famiglie “ad alto rischio” (uno o due genitori e/o fratelli affetti da allergia alimentare, eczema, asma o rino-congiuntivite allergica). In questa review viene esaminato il potenziale preventivo delle formule a idrolisi proteica (estensiva e parziale) proposte, in caso di indisponibilità del latte materno, ai lattanti ad elevato rischio di sviluppare malattia allergica durante il primo semestre di vita. Se nella storia familiare non vi è eczema atopico, questi lattanti potrebbero assumere un idrolisato parziale (formula HA), decisamente più economico e palatabile dell’idrolisato spinto che andrà invece raccomandato per i lattanti ad alto rischio con anamnesi familiare positiva per dermatite atopica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail