Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2008 December;60(6) > Minerva Pediatrica 2008 December;60(6):1357-66

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2008 December;60(6):1357-66

lingua: Italiano

La flutamide a basse dosi nell’iperandrogenismo dell’adolescente

Pizzo A., Borrielli I., Mastroeni M. T., Fattori A., Dugo C., Dugo N., Dinatale A.

Dipartimento di Scienze Ginecologiche e Ostetriche Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Messina, Messina, Italia


PDF  


Obiettivo. Obiettivo dello studio è stato quello di valutare i risultati dell’uso della Flutamide a basse dosi per la terapia dell’iperandrogenismo dell’adolescenza.
Metodi. Sono state accuratamente selezionate 35 giovani donne affette da acne e irsutismo: 31 erano affette da sindrome dell’ovaio policistico (polycystic ovary syndrome, PCOS) e 4 da iperandrogenismo periferico. In otto ragazze sessualmente attive, la flutamide è stata associata al contraccettivo orale. In tre adolescenti con iperinsulinismo si è deciso di associare alla flutamide la metformina. Tutte le ragazze sono state sottoposte a controlli mensili della funzionalità epatica. Prima dell’inizio della terapia sono stati valutati: la situazione mestruale, il Body Mass Index (BMI), lo score di Ferriman e quello di Cremoncini, l’aspetto ecografico dell’ovaio, l’assetto ormonale. I controlli sono stati ripetuti dopo 3 mesi e dopo 6 mesi dall’inizio della terapia con Flutamide 62,5 mg/die. Solo in 4 casi la terapia è stata interrotta per l’insorgenza di effetti collaterali, prontamente regrediti dopo una settimana dall’interruzione del farmaco.
Risultati. I risultati hanno dimostrato un netto miglioramento dei sintomi periferici dell’iperandrogenismo in tutte le pazienti.
Conclusioni. Gli autori auspicano che presto la flutamide possa far parte dei farmaci utilizzabili correntemente per trattare gli inestetismi dell’ovaio policistico e ripristinare un clima ormonale non androgenico, eventualmente associata ad una contraccezione efficace.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail