Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2008 Febbraio;60(1) > Minerva Pediatrica 2008 Febbraio;60(1):103-14

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532

 

Minerva Pediatrica 2008 Febbraio;60(1):103-14

DISORDINI BIPOLARI NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI 

 REVIEW

Farmaci complementari nel disturbo bipolare infantile

Bogarapu S. 1, Bishop J. R. 1,2, Krueger C. D. 2, Pavuluri M. N. 1

1 Department of Psychiatry Center for Cognitive Medicine University of Illinois at Chicago (UIC) College of Medicine, Chicago, IL, USA
2 Department of Pharmacy Practice University of Illinois at Chicago (UIC) College of Pharmacy, Chicago, IL, USA

Il sempre maggior numero e la sempre maggiore disponibilità di diversi farmaci complementari ed alternativi (complementary and alternative medicine, CAM) ha portato ad una crescita esponenziale dell’utilizzo di questi prodotti per qualsiasi ragione, da disturbi e dolori lievi al trattamento della malattia mentale. Le difficoltà legate al trattamento delle malattie mentali nei bambini, l’avversione all’idea di avere un bambino che assume farmaci psichiatrici e le stigmate della malattia mentale sono tutti aspetti che guidano i pazienti e le loro famiglie a rivolgersi a trattamenti alternativi. Come conseguenza si è registrato un aumento dell’utilizzo di farmaci complementari e alternativi in psichiatria, soprattutto nel caso di condizioni pediatriche molto serie quali il disturbo bipolare. Questi trattamenti alternativi sono importanti per gli operatori sanitari, che ne devono tener conto per i loro pazienti. Da una review condotta sugli studi che hanno valutato l’efficacia dei farmaci complementari e alternativi nei pazienti con disturbo bipolare, vengono presentati alcuni studi selezionati. Gli acidi grassi omega-3 e la lecitina/colina hanno evidenziato dati preliminari indicanti una loro potenziale utilità nel trattamento con CAM del disturbo bipolare, mentre l’S-adenosilmetionina e l’inositolo hanno fornito alcuni dati a supporto della loro efficacia nel trattamento dei sintomi depressivi. Molti dei dati relativi alla CAM suggeriscono che tali farmaci possono rappresentare trattamenti aggiuntivi utili, sebbene siano disponibili solo dati preliminari circa il loro utilizzo quale unica terapia. Di conseguenza, i farmaci convenzionali restano la prima scelta per la gestione del disturbo bipolare pediatrico. Gli operatori sanitari devono sapere se i loro pazienti utilizzano questi trattamenti alternativi e devono avere familiarità con i rischi e benefici legati al loro utilizzo nei bambini.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina