Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2007 Dicembre;59(6) > Minerva Pediatrica 2007 Dicembre;59(6):813-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Pediatrica 2007 Dicembre;59(6):813-6

lingua: Italiano

Esordio di poliuria e polidipsia in una bambina di 5 anni: le problematiche della diagnosi differenziale

Di Dio G., Zanetta F., Zanetta S., Petri A., Bellone S., Bona G.

Clinica Pediatrica Dipartimento di Scienze Mediche Università del Piemonte Orientale “A. Avogadro”, Novara, Italia


PDF  


Poliuria e polidipsia possono essere presenti in tre grandi gruppi di patologie: la polidipsia primaria caratterizzata da un eccessivo introito di liquidi, il diabete insipido centrale in cui è presente una ridotta produzione di vasopressina e il diabete insipido nefrogenico dove la risposta renale alla vasopressina è deficitaria. In particolare il diabete insipido centrale, soprattutto in età pediatrica, può essere causato da lesioni quali germinoma, craniofaringioma, istiocitosi delle cellule di Langerhans, malattie infiammatorie, autoimmuni e vascolari, traumi cranici e rari difetti genetici nella sintesi della vasopressina. Tuttavia il 30- 50% dei casi viene ancora considerato idiopatico. In questo lavoro viene presentato il caso di S.E., di 5,5 anni, giunta presso l’ambulatorio di Endocrinologia e Auxologia della Clinica pediatrica di Novara per comparsa nell’ultimo mese di poliuria, polidipsia, nicturia e calo ponderale. Il test dell’assestamento e il test alla desmopressina (Minirin) hanno orientato verso la diagnosi di diabete insipido centrale. Le restanti funzioni antero-ipofisarie risultavano nella norma. La RMN della sella turcica documentava mancata visualizzazione della regolare iperintensità di segnale della neuroipofisi, compatibile con atrofia aspecifica della stessa. Il peduncolo ipofisario appariva mediano e di dimensioni regolari. Non si osservavano segni di espanso a livello sellare e sovrasellare. Confermata dunque la diagnosi di diabete insipido centrale di tipo idiopatico, veniva intrapresa terapia sostitutiva con desmopressina (Minirin) compresse alla dose di 0,2 mg/die. Ai successivi follow-up la bambina si presentava in buone condizioni generali, con adeguato bilancio idrico giornaliero, buona velocità di crescita, funzionalità surrenalica e tiroidea sempre nella norma, quadro invariato alla RMN di controllo. Questo caso clinico richiama l’attenzione sulle difficoltà diagnostiche del diabete insipido e sull’importanza di un attento follow-up che coinvolga anche l’intera famiglia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail