Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2007 Dicembre;59(6) > Minerva Pediatrica 2007 Dicembre;59(6):801-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Pediatrica 2007 Dicembre;59(6):801-7

lingua: Inglese

Applicazioni della risonanza magnetica nucleare in chirurgia pediatrica: RM colangiopancreatografica (MRCP) e nuove sequenze

Ragazzi S. 1, Vanzulli A. 2, Del Maschio A. 3, Tomaselli V. 1, Dell’Agnola C. A. 1

1 Division of Paediatric Surgery Niguarda Ca’ Granda Hospital Milan, Italy
2 Division of Radiology Niguarda Ca’ Granda Hospital Milan, Italy
3 Division of Radiology IRCCS San Raffaele Hospital Milan, Italy


PDF  


Obiettivo dello studio è stato quello di valutare la risonanza magnetica colangio-pancreatografica (MRCP) come metodo alternativo ed efficace nella diagnostica della patologie pancreato-biliari del neonato e del paziente pediatrico. Tra gennaio 2000 e dicembre 2000 abbiamo studiato 5 pazienti affetti da patologia biliare o precedentemente operati per lesioni pancreatico-biliari (range di età 1 mese – 14 anni). I pazienti sono tutti stati sottoposti a MRCP utilizzando sequenze rapide T2 pesate per la valutazione delle strutture liquide (1 immagine/s, TR= infinito, TE= 150-180 ms) e sequenze T1 pesate per la valutazione dei parenchimi. In nessun caso è stato necessario l’uso della anestesia generale. Solo in un caso è stato necessario l’uso di una sedazione per via orale. La MRCP ha fornito informazioni anatomiche precise sulla anatomia dell’albero pancreaticobiliare nei pazienti da noi studiati. Inoltre tale metodica ha riprodotto fedelmente i dotti biliari intra ed extra epatici, la colecisti, il dotto bilare comune e la giunzione tra dotto pancreatico e biliare. La MRCP ci ha consentito di studiare le anastomosi bilio-enteriche ad Y con ansa alla Roux con risultati di accuratezza paragonabili alla colangiografia percutanea transepatica (PTC). In aggiunta la MRCP è stata l’unica metodica in grado di fornire informazioni anatomiche dettagliate sulla anatomia delle bilio-enteriche ad Y con ansa alla Roux dove sia l’ecogafia e la colangiografia endoscopica retrograda (ERCP) non possono essere utilizzate. In conclusione la MRCP è una metodica accutata e non invasiva per la rappresentazione della anatomia pancreatico-biliare del neonato e del paziente pediatrico. La MRCP potrebbe diventare la metodica diagnostica di scelta dopo l’ecografia nei casi in cui un accurato dettaglio anatomico si renda necessario.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail