Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2007 Aprile;59(2) > Minerva Pediatrica 2007 Aprile;59(2):137-48

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Pediatrica 2007 Aprile;59(2):137-48

lingua: Inglese

Enterobacter sakazakii: un patogeno batterico emergente con implicazioni per la salute infantile

Mullane N. R. 1, Iversen C. 2, Healy B. 1, Walsh C. 1, Whyte P. 1, Wall P. G. 3, Quinn T. 1, Fanning S. 1

1 Centre for Food Safety School of Agriculture,Food Science and Veterinary Medicine University College Dublin Belfield, Dublin, Ireland
2 Institute for Food Safety and Hygiene Vetsuisse Faculty University of Zurich Zurich, Switzerland
3 School of Public Health and Population Sciences University College Dublin Belfield, Dublin, Ireland


PDF  


Enterobacter sakazakii (E. sakazakii) è un patogeno opportunista e rappresenta l’agente eziologico di rari casi, potenzialmente letali, di meningite, di enterocolite necrotizzante e di sepsi infantile. Tra i bambini piccoli, quelli a maggior a rischio sono i neonati (<28 giorni), specialmente quelli nati prematuri o con basso peso alla nascita (<2 500 g). Alcune infezioni sono state epidemiologicamente correlate al consumo di latte in polvere per neonati contaminato. La contaminazione può avvenire durante il processo di produzione o durante la fase di ricostituzione del latte in polvere. Lo sviluppo di metodi identificativi rapidi, sensibili e specifici faciliterà gli sforzi dei produttori tesi a ridurre la presenza di E. sakazakii nel prodotto finale in polvere. Inoltre, dal momento che il latte in polvere per neonati non è un prodotto sterile, si dovrebbero prendere le opportune precauzioni durante la sua manipolazione e ricostituzione, prima di somministrarlo al neonato, per prevenirne la contaminazione da parte del batterio e la sua proliferazione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail