Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2007 April;59(2) > Minerva Pediatrica 2007 April;59(2):107-13

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2007 April;59(2):107-13

lingua: Inglese

Funzionalità cardiaca valutata attraverso l’indice di performance miocardica e la dispersione QT nei sopravissuti alla leucemia linfoblastica infantile

Gulen H. 1, Kazanci E. 1, Mese T. 2, Uzunkaya D. 1, Erbay A. 1, Tavli V. 2, Vergin C. 1

1 Clinic of Haematology-Oncology Dr. Behcet Uz Children’s Hospital, Izmir, Turkey
2 Clinic of Cardiology Dr. Behcet Uz Children’s Hospital, Izmir, Turkey


PDF  


Obiettivo. Il trattamento della leucemia infantile prevede l’utilizzo di diversi chemioterapici ad alti dosaggi che possono provocare gravi effetti tossici a carico del cuore e di altri organi vitali. Per questo motivo i pazienti sottoposti a chemioterapia antitumorale vengono seguiti nel tempo per monitorare questi effetti tossici. L’indice ecocardiografico di performance miocardica (myocardial performance index: MPI) è stato indicato come un nuovo metodo per valutare la funzionalità combinata sistolica e diastolica sia negli adulti che nei bambini e viene calcolato sommando il tempo di rilassamento isovolumetrico a quello di contrazione isovolumetrica e dividendo per il tempo di eiezione. Inoltre, è stato pubblicato che l’aumento delle differenze inter-lead relative all’intervallo QT (dispersione QT) può essere associato ad aumento di rischio di morte cardiaca. L’obiettivo di questo studio è stato di valutare gli effetti collaterali immediati e tardivi sul cuore del trattamento per la leucemia infantile con dosi moderate di antracicline utilizzando l’MPI e la dispersione QT corretta (corrected QT dispersion: QTcD).
Metodi. Sono stati valutati l’MPI e il QTcD in 55 bambini con leucemia e in 38 controlli sani paragonabili per età e sesso.
Risultati. Non è emersa alcuna differenza statistica significativa per quanto riguarda l’MPI del gruppo dei pazienti e di quello di controllo (20,7±13,1) (1-59,4) e 16,1±13,5 (0,3-77,5), P:0,1, rispettivamente. Inoltre, non è emersa alcuna differenza statisticamente significativa per quanto riguarda i valori di MPI e di QTcD tra i pazienti con trattamento in corso e quelli che avevano completato la terapia e tra i pazienti che avevano ricevuto una dose cumulativa di antracicline inferiore o superiore a 250 mg/m2. Tuttavia, i valori di QTcD erano più elevati nei pazienti rispetto ai controlli sani (0,08±0,03 e 0,03±0,01, P<0,01, rispettivamente).
Conclusioni. Nei nostri bambini con leucemia trattati con i protocolli ALL BFM 95 e TRALL 2000 (BFM modificato in Turkey) con dosi moderate di antracicline non è stata rilevata una cardiotossicità importante. Tuttavia, questi trattamenti possono provocare cardiotossicità subclinica e di conseguenza sono necessari ulteriori monitoraggi e valutazioni con metodi invasivi e non invasivi per un lungo periodo di tempo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail