Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2007 Febbraio;59(1) > Minerva Pediatrica 2007 Febbraio;59(1):71-82

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile

Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4946

Online ISSN 1827-1715

 

Minerva Pediatrica 2007 Febbraio;59(1):71-82

 ARTICOLI SPECIALI

Alessandro Laurinsich, protagonista dei progressi della pediatria del XX secolo

Farnetani I. 1, Farnetani F. 2

1 Dipartimento di Neuroscienze Facoltà di Medicina Università degli Studi di Milano Bicocca, Milano
2 Medico Chirurgo

Alessandro Laurinsich è stato uno dei grandi pediatri italiani del XX secolo. Nacque a Monfalcone (allora provincia di Trieste, oggi di Gorizia) il 29 maggio 1899 da Giuseppe, medico, irredentista e massone, e da Leopoldina Worrell, originaria della Moravia.
Dopo gli studi secondari compiuti a Trieste, il padre gli consigliò di iscriversi all’Università di Napoli, città in cui avrebbe trovato un clima più salubre che si addiceva maggiormente alla sua costituzione gracile. Nel 1922 si laureò con lode ed entrò nella clinica pediatrica diretta da Rocco Jemma.
Alessandro Laurinsich dal 1937 al 1940 ebbe l’incarico dell’insegnamento della clinica delle malattie infettive. In questo periodo studiò, in particolare, la tubercolosi del bambino, le prime applicazioni in Italia della pneumoencefalografia, ma si occupò anche dei tumori misti maligni del rene, di problemi di tipo neurologico, psicologico, educativo del bambino. Nel 1940 ebbe l’incarico della cattedra di clinica pediatrica presso l’Università di Siena, nel 1942 vinse il concorso e vi restò fino al 1945, quando si trasferì a Parma. Si occupò, in particolare, dei bambini sfollati e degli illegittimi. Nell’anno accademico 1945-46, Alessandro Laurinsich fu chiamato a dirigere la clinica pediatrica dell’Università di Parma e nel 1946 divenne professore ordinario. Creò vari centri pediatrici e attivò molte iniziative a livello di territorio. Nel 1961 gli fu offerta la possibilità di trasferirsi all’Università di Milano, ma inspiegabilmente rifiutò. Fu Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dal 1956 al 1968. Alessandro Laurinsich morì a Parma il 2 febbraio 1969.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina