Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2006 Agosto;58(4) > Minerva Pediatrica 2006 Agosto;58(4):391-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Pediatrica 2006 Agosto;58(4):391-4

lingua: Italiano

Un caso clinico di meningite da Listeria Monocytogenes in un bambino immunocompetente

Pattarino G., Arrigoni S., Grazioli R., De Palma A., di Natale B.

Clinica Pediatrica Ospedale L. Sacco, Milano


PDF  


La meningite da Listeria Monocytogenes è una affezione assai rara oltre il periodo neonatale, tranne che negli immunodepressi. Listeria Monocytogenes è un batterio intracellulare facoltativo con tendenza a causare malattia nelle donne gravide, nei soggetti con deficit dell’immunità cellulare e nelle epoche più precoci e tardive della vita. Viene descritto un caso clinico di meningite da Listeria in un bambino nomade immunocompetente di 8 mesi, preceduta da una gastroenterite. Sebbene i sintomi gastrointestinali possano essere attribuibili all’infezione enterica da parte del microrganismo, è anche possibile che la presenza di una coinfezione intestinale da parte di virus o batteri abbia facilitato la traslocazione dello stesso favorendo lo sviluppo della forma disseminata. La principale via di trasmissione del patogeno dopo il periodo neonatale è la via alimentare. Dall’anamnesi condotta dopo il riscontro del batterio nel liquor è emerso che il piccolo era un gran mangiatore di hot dog poco cotti. Sebbene la malattia dia spesso esito a complicanze nel caso riportato l’evoluzione è stata favorevole con assenza di reliquati anche al follow-up. Nonostante l’infezione sia estremamente infrequente nel bambino sano, si sottolinea l’importanza di tenere in considerazione la Listeria come possibile agente eziologico di meningite batterica, anche in assenza di deficit immunitari, soprattutto nei soggetti a rischio per precarie condizioni igienico sanitarie, in cui non sono rispettati i tempi e i modi del divezzamento e non è assicurata adeguata cottura degli alimenti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail