Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2006 Agosto;58(4) > Minerva Pediatrica 2006 Agosto;58(4):327-32

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile

Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4946

Online ISSN 1827-1715

 

Minerva Pediatrica 2006 Agosto;58(4):327-32

 REVIEW

Patient-triggered ventilation

Kassim Z., Greenough A.

Division of Asthma, Allergy and Lung Biology King's College Hospital School of Medicine, London, UK

Durante la ventilazione assistita, gli sforzi inspiratori dei bambini devono essere opportunamente sincronizzati con le ventilazioni assistite. Un’ottima interazione dipende, infatti, dal lavoro del supporto ventilatorio, dalla ventilazione e dalla funzione dei polmoni dei bambini. La ventilazione assistita (controllo assistito A/C), ventilazione a domanda intermittente sincrona (SIMV), ventilazione con pressione di supporto (PSV), ventilazione con volumi controllati (VTV) con A/C, SIMV, PSV o ventilazione assistita proporzionale (PAV) possono essere utilizzate mediante intubazione orotracheale o maschere nasali. Meta-analisi degli studi randomizzati hanno dimostrato che l’unico vantaggio di A/C /SIMV sulla ventilazione non assistita a pressioni positive è stata una più breve durata dalla ventilazione e, in particolare, non c’è stata una significativa influenza sull’incidenza di pneumopatie croniche. La riduzione della durata della ventilazione è stata vista, comunque, solo se la ventilazione assistita è stata iniziata al momento del ricovero e non nella fase acuta della sindrome da distress respiratorio. I risultati di piccoli studi randomizzati hanno suggerito che A/C piuttosto che SIMV è una modalità migliore di svezzamento, dal momento che la riduzione della frequenza respiratoria di SIMV sotto 20 atti/minuto aumenta il lavoro respiratorio. Altri piccoli studi hanno evidenziato che la ventilazione mediante maschere nasali può ridurre la percentuale di estubazioni senza successo. Studi fisiologici hanno dimostrato che alcuni vantaggi di PSV con o senza VTV e PAV, sebbene sembrino comportare un vantaggio nei risultati a lungo termine, devono essere ancora confermati da studi randomizzati appositamente disegnati.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina